Via Degli Aurunci n.38 Roma
Orario:
Dal Lunedì al Giovedi 10:00-23:00
Dal Venerdi al Sabato 10:00-01:00
Domenica: 15:00-21:30
c_180_250_16777215_00_images_12188921_778339358958729_4828769877152809929_n.png

MERCOLEDI 13 FEBBRAIO ore 19:30 

serata di presentazione
dei corsi 
di scrittura della Scuola del libro

con Vins Gallico, Rossella Milone, Andrea Pomella, Luca Ricci

Fra marzo e giugno, i nostri classici e alcune belle novità:

• «Watson. Corso "elementare" per imparare a scrivere (e leggere) un giallo» a cura di Vins Gallico
• «Scrivere un racconto che piacerebbe al New Yorker», a cura di Luca Ricci
• «Da dove vengono le storie» a cura di Rossella Milone
• «Scrivere di sé» a cura di Andrea Pomella

Vi aspettiamo per un bicchiere di vino e due chiacchiere coi nostri docenti.

c_180_250_16777215_00_images_foto-n.jpg

MARTEDI 12 FEBBRAIO ore 19:30

GIOCHI INNOCENTI, GIOCHI TERRIBILI
Una passeggiata tra libri che parlano di cambiamento, rivoluzioni, gioco e piacere

Un incontro per parlare di Gioco e...
Ne discuteremo con Ramiro Gonzalez Gainza e l'associazione Liscìa, che promuove in Italia il metodo della Ludopedagogia.

Ramiro Gonzalez Gainza, esperto di storia e teoria del gioco, docente universitario in Argentina, facilita laboratori e seminari sull'educazione e il tempo libero. Socio fondatore di Espiritu Guerrero Editor che ha curato l'edizione di "Giochi innocenti, giochi terribili" di Graciela Scheines.

c_180_250_16777215_00_images_50329114_2374548145953744_8616021750909501440_n.jpg

LUNEDI 11 FEBBRAIO 2019 ore 20:30 
quinto appuntamento del ciclo 

FIGURIAMOCI
Gruppo di lettura di albi illustrati e fumetti

"Figuriamoci! è il gruppo di lettura di albi illustrati e fumetti che si tiene ogni mese nella nostra libreria.
Per il mese di dicembre l'appuntamento sarà lunedì 11 dalle 20:30 alle 22:00 e il tema dell'incontro sarà LUCE.
Che significa? Significa che ogni partecipante al gruppo verrà accompagnato da un libro inerente al tema richiesto.
In questo caso LUCE.

Ma andiamo per ordine.
Cos’è un gruppo di lettura?
Un gruppo di lettura è un luogo di discussione e dialogo sulla letteratura e la parola scritta. Sono persone che si riuniscono una volta al mese per parlare di libri e ogni mese ne scelgono uno per parlarne nell’incontro del mese successivo.

Cos’è un gruppo di lettura di albi illustrati e fumetti?
È un gruppo di persone che si riuniscono mensilmente per parlare di narrazione per immagini, scegliendo dei libri e parlandone insieme. Rispetto al gruppo di lettura classico è più istantaneo e al contempo, più laboratoriale.

Come funziona?
È molto semplice, ogni incontro avrà un tema e i partecipanti porteranno ciascuno un libro illustrato o fumetto su quel tema. Confrontando e discutendo i libri portati si scopriranno punti di vista diversi, nuovi autori, nuove storie e immagini e si invoglieranno nuove letture.
Insieme o a turni si sceglierà il tema per l’incontro successivo e così via ogni mese. In questo senso l’organizzazione del gruppo è autogestita, sono i partecipanti stessi a scegliere i temi o i pretesti di discussione per l’incontro successivo ( per es.: libri senza parole, fiabe al rovescio, libri brulicanti, storie d’amore, superpoteri, guerra e pace...)

Perché?
Perché che si sia lettori, scrittori, illustratori, fumettisti, librai, mamme, figli o giusto curiosi è sempre bello scoprire nuovi libri, storie, immagini e punti di vista.
La narrativa per immagini, è ricchissima ed ha tante categorie­, conoscerle tutte a volte è difficile. Condividere le letture degli altri è un buon modo per cominciare.
E poi diciamoci la verità, ci deve davvero essere un motivo per scoprire nuovi libri e condividerli?

Chi?
"Figuriamoci!" è coordinato da Leyla Vahedi e Rita Petruccioli

Leyla (ass. Cartastraccia) é un'appassionata di albi illustrati sempre contenta di scoprirne di nuovi

Rita è illustratrice e fumettista."

-------------

Illustrazione cover di Cecilia Campironi

c_180_250_16777215_00_images_drsax.jpg

GIOVEDI 7 FEBBRAIO ore 19:30 

Luca Moccafighe (scrittore e giornalista di Blow Up)
presenta i libri

GUERRA
di Daniele Mattei

OPERA INIQUA
di Federico Febbo

editi da  El Doctor Sax - Beat & Books.

I LIBRI:
Guerra: come uno squarcio - di Daniele Mattei

Guerra è un libro di poesie e un racconto che s’intrecciano tra loro. Le liriche si specchiano richiamandosi a vicenda, spesso tendenti alla prosaicità raccontano più storie dentro la stessa storia.
Guerra è un libro diviso in dieci sezioni, di cui diverse raccontano una storia e altre sono spari solitari. Le immagini, le parole consuete, le scene, l’immaginario dell’autore si spostano e confondono volutamente da una pagina all’altra.
Guerra è disamina di diversi conflitti, di diverse fratture: dal dolore esistenziale al dilemma del sentimento, dall’ironia lucida che spesso appare a smitizzare fino a un esame impietoso del nostro tempo.
Guerra è un libro da leggere dall’inizio alla fine, farsi prendere per mano nei conflitti, nei dubbi, dalle domande. Seguire l’autore tra gli spari e le macerie, svestirsi con lui da quella divisa e prendere finalmente queltreno.
Guerra: Il ritorno da un viaggio doloroso verso una bramata pace.


Daniele Mattei è nato nel 1975, ha pubblicato in antologie curate da Antonio Veneziani. Guerra è il suo primo libro.

OPERA INIQUA di Federico Febbo

Charme è un trentenne di origini francoprovenzali trapiantato dalla Savoia in Italia, al di sotto della presa di coscienza artistica, sociale e politica dei suoi tempi. La sua storia ha inizio con un viaggio da Roma verso la necropoli di Vulci, su una nostalgica carrozza assieme ai suoi facoltosi amici Aronne e Cleto, due intellettuali ostinati, saturi dell’idea che ciò che ci lasciamo dietro ogni giorno è più prezioso di quello che conquistiamo. Sarà il sospetto finale di questa gita a dare l’abbrivio al romanzo, in cui Charme, invaghito dalla presunzione di essere uno scrittore d’ingegno, si accompagnerà a personalità letterarie e politiche arrivando a sostituirsi a loro. Da falso artista per un falso pubblico a sindaco di un paese di provincia, da facchino a segretario particolare del Presidente della Repubblica Italiana, la convalescenza di Charme verrà turbata da una malattia mentale evidente eppure equivoca. I suoi confortevoli ideali, e un grado di talento pari alle capacità più comuni dei suoi simili, lo spingeranno davanti a una scelta tra passioni e feroci ambizioni. Incontrerà sulla sua strada un morto apparente tra i vivi di professione come il poeta Sabatino Rivoli, oppure il Capo dello Stato; così il giovane sostituirà la grande fatica del vivere a un impegno impossibile: la pretesa di diventare un educatore del Paese. Conoscerà asceti del pressapochismo, giornalisti straccioni, democratici e insurrezionalisti simili a maghi e guaritori sorretti da un livello di alfabetizzazione reciproca. Tutti lotteranno ricavandone un dubbio guadagno, pur di ottenere il vantaggio della certezza di esistere. Alla fine del racconto questa dedizione alla propria esistenza e alla ricerca della salute, ci condurrà di nuovo al sepolcreto di Vulci, là dove qualcosa tra l’infermità e il divino aveva dato inizio al lungo anno di Charme Genetti, completando questa testimonianza con il sospetto che nella testa possa esserci qualcos’altro che non il solo pensiero, e riuscendo da ultimo a ottenere una risposta della quale il lettore è meglio che non domandi.

Federico Febbo è nato a Roma il 14 maggio del 1976. Ha lavorato per l’Università Pontificia Gregoriana di Roma, per il Museo Signorini Corsi a L'Aquila, per la Casa Museo Mario Praz e per la Mirabilia Art Gallery. È stato assistente della gallerista Carla Panicali (il Segno, la Marlborough, l'Isola a Roma, Panicali Fine Art e Art for Architecture di New York) ha tradotto conferenze e interviste di Jacques Lacan, Emil Cioran, Mircea Eliade, Gilles Deleuze e Pierre Klossowski. Ha scritto per riviste d’arte e cultura come Estra, Urbis et Artis, Mito Roma ed ha pubblicato romanzi sotto pseudonimo. Il primo lavoro inedito dal titolo Tramonto Italia, e Opera Iniqua, sono stati pubblicati sulla rivista “Il Primo Amore” diretta da Antonio Moresco. Attualmente lavora nella Galleria d’Arte Pulcherrima di Roma.

c_180_250_16777215_00_images_9788889508824.jpg

MERCOLEDI 6 FEBBRAIO 2019 

ore 19:00 – CHIACCHERA E SUPPLì

Roberto Liberati e Martino Bellincampi 
(Pastella)
presentano il libro

PASTELLA
tutto fritto
(ed. Estemporanee)

e discutono di: 

Biologico? Artigianale? Naturale?
La filiera del cibo, dal campo alla tavola.

Modera Alessandro Mazzarelli

In questo agile libro vengono svelati i segreti del fritto all’italiana, a partire dal valore nutrizionale per finire alle tecniche di frittura domestica. Corredato di ricette, curiosità, approfondimenti e interviste, diventerà un compagno inseparabile nella cucina di tutti i giorni.
Il fritto è il cibo più divertente, caldo e accogliente che ci sia. Il fritto racconta le tradizioni gastronomiche, dalle più popolari alle più raffinate, dalle più antiche alle più moderne. Il fritto è facile da preparare se seguirete i trucchi che vi sveleremo! Fritto è buono tutto!

Martino Bellincampi si occupa di strategie di comunicazione e marketing per start-up tecnologiche italiane ed estere.
Matteo Santucci è un direttore creativo appassionato di design. Entrambi hanno la passione per le cose belle e buone.
Insieme hanno fondato Pastella, una catena internazionale di locali street food che sta innovando il concetto del fritto in Italia e negli altri paesi europei.

c_180_250_16777215_00_images_51e46kmVVCL._SX325_BO1204203200_.jpg

LUNEDI 28 GENNAIO ore 19:00
Quarto appuntamento del ciclo
"Il viaggio rivoluzionario dell'eroe"

L'eroe sportivo
diviso tra spettacolo e il suo popolo

Incontro con Gioacchino Toni 
(Coautore di "Storie di sport e politica" Mimesis 2017)

Discussant: Fabio Ciabatti e Mazzino Montinari
Organizza: Gruppo di Studio Antongiulio Penequo
 
Il campione sportivo si avventura nel mondo straordinario costituito dal campo di gioco dove vigono regole a sé stanti, compie azioni straordinarie sconfiggendo nemici temibili e infine condivide la propria felicità con il popolo dei suoi tifosi. L’eroe sportivo incarna i sogni e i desideri di una comunità, spesso fittizia ma non sempre: le tifoserie delle due squadre del Cairo, dopo essersi scontrate per tanti anni, si riuniscono nella difesa di piazza Tahrir sostenendo, data la loro preparazione “bellica”, in modo efficace gli scontri con polizia e mazzieri del regime. Abbiamo qui un’inversione. Non c’è più bisogno di un eroe da ammirare per creare un legame: tutti diventano eroi e, al tempo stesso, nessuno lo è.
 
---- Sul ciclo di incontri "Il viaggio rivoluzionario dell'eroe" ---

Il Gruppo di Studio Antongiulio Penequo affronta, da diverse prospettive e con diverse strumentazioni teoriche, il tema dell’eroe oggi.
A tal fine ha pubblicato sulla rivista letteraria "Carmilla" (carmillaonline.com) alcuni articoli che declinano questa figura in vari modi: dall’eroe cinematografico a quello della tragedia classica, dal tema del rapporto tra eroe e movimenti nell’attualità politica sudamericana alla questione filosofico-mitologica dell’eroe in quanto narratore. 
L'eroe è la metafora della soggettività, dell'agency, è colui o colei che prende coscienza di una oppressione e decide di ribellarsi. Ma chi può impersonare questa figura oggi? Quali sono le sue qualità precipue? Come si può dare una relazione positiva, critica, tra l’eroe e le sue azioni? Che rapporto c’è tra il carattere dell’eroe e il suo destino? Qual è il nesso che s’instaura tra l’eroe e il suo pubblico o il suo popolo? Quanti tipi di eroi e di eroine esistono?
Dopo aver analizzato l'eroe working class nel primo appuntamento del ciclo, il secondo si concentra sull’emergere della soggettività in coloro che per il senso comune ne sarebbero costitutivamente privi. Il viaggio è rivoluzionario in questo caso anche perché è intrapreso da “non eroi”.
c_180_250_16777215_00_images_papaya.jpg

GIOVEDI 10 GENNAIO 2019 ore 19:30 
presentazione del graphic novel

PAPAYA SALAD
di Elisa Macellari
(Bao Publishing) 

Con l'autrice interviene Marco Filoni

Il romanzo grafico di esordio di Elisa Macellari è la storia della vita di suo prozio Sompong, che dalla Thailandia venne in Europa alla vigilia della Seconda guerra mondiale. Uomo mite e risoluto, alla ricerca del suo posto nel mondo, racconta la sua storia con la voce ferma e pacata di chi sa di essere stato al cospetto della Storia e di essere riuscito a navigarla per giungere alla propria destinazione. Elisa Macellari sintetizza, dopo anni di carriera da illustratrice, uno stile a fumetti consapevole dei due mondi che racconta, sia geografici che temporali, regalandoci un libro epico come il sussurro risoluto di una promessa solenne.
La copertina del libro è verde, e il taglio delle pagine è dipinto di uno speciale Pantone arancione, per ricordare una papaya matura che si apre per diffondere il suo profumo.

Elisa Macellari è un’illustratrice italo-thailandese nata e cresciuta a Perugia e di base a Milano. Dopo la laurea all’Accademia di Belle Arti di Perugia, si trasferisce a
Torino, dove lavora come mediatrice culturale presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. A Milano collabora come assistente e graphic designer con la galleria d’arte contemporanea Suzy Shammah. Dal 2012 è illustratrice freelance per case editrici e riviste nazionali ed estere. Tra i suoi clienti The New York Times, Women’s Health UK, Cartoon Network, Donna Moderna, Mondadori, Feltrinelli, Einaudi, Giunti, Piemme, Zanichelli, Rubbettino Editore, Il Battello a Vapore,
Emme Edizioni, Edizioni BD, Gorilla Sapiens Edizioni, Plansponsor, Planadviser, Donna Magazin, viction:ary, Nobrow Press, Bandcamp, Cancer World Magazine, Spazio Mag, Voicemap, Razor & Tie Records, Langosteria, Karimoku New Standard, Woodyzoody. Il suo lavoro è stato esposto in Italia e all’estero.

Papaya Salad è il suo primo graphic novel.

c_180_250_16777215_00_images_51nqaCesqVL._SX359_BO1204203200_.jpg

MARTEDI 15 GENNAIO 2019 ore 19:30

presentazione del libro

 

Present and Absent 
Diary Villa Massimo 2016/17" 
di Nezaket Ekici
(Ed. Kerber) 

 

L'artista, borsista di Villa Massimo nel 2016/17, parla del suo soggiorno a Villa Massimo, dove è stata presente 262 giorni e assente 34 giorni. L’incontro si terrà in lingua italiana e tedesca con traduzione consecutiva.

 

c_180_250_16777215_00_images_immagine_figuriamoci.jpg

LUNEDI 14 GENNAIO ore 20:30 
nuovo appuntamento del ciclo 

FIGURIAMOCI
Gruppo di lettura di albi illustrati e fumetti

"Figuriamoci! è il gruppo di lettura di albi illustrati e fumetti che si tiene ogni mese nella nostra libreria.
Per il mese di dicembre l'appuntamento sarà lunedì 3 dalle 20:30 alle 22:00 e il tema dell'incontro sarà INCANTESIMO.
Che significa? Significa che ogni partecipante al gruppo verrà accompagnato da un libro inerente al tema richiesto.
In questo caso: INCANTESIMO.

Ma andiamo per ordine.
Cos’è un gruppo di lettura?
Un gruppo di lettura è un luogo di discussione e dialogo sulla letteratura e la parola scritta. Sono persone che si riuniscono una volta al mese per parlare di libri e ogni mese ne scelgono uno per parlarne nell’incontro del mese successivo.

Cos’è un gruppo di lettura di albi illustrati e fumetti?
È un gruppo di persone che si riuniscono mensilmente per parlare di narrazione per immagini, scegliendo dei libri e parlandone insieme. Rispetto al gruppo di lettura classico è più istantaneo e al contempo, più laboratoriale.

Come funziona?
È molto semplice, ogni incontro avrà un tema e i partecipanti porteranno ciascuno un libro illustrato o fumetto su quel tema. Confrontando e discutendo i libri portati si scopriranno punti di vista diversi, nuovi autori, nuove storie e immagini e si invoglieranno nuove letture.
Insieme o a turni si sceglierà il tema per l’incontro successivo e così via ogni mese. In questo senso l’organizzazione del gruppo è autogestita, sono i partecipanti stessi a scegliere i temi o i pretesti di discussione per l’incontro successivo ( per es.: libri senza parole, fiabe al rovescio, libri brulicanti, storie d’amore, superpoteri, guerra e pace...)

Perché?
Perché che si sia lettori, scrittori, illustratori, fumettisti, librai, mamme, figli o giusto curiosi è sempre bello scoprire nuovi libri, storie, immagini e punti di vista.
La narrativa per immagini, è ricchissima ed ha tante categorie­, conoscerle tutte a volte è difficile. Condividere le letture degli altri è un buon modo per cominciare.
E poi diciamoci la verità, ci deve davvero essere un motivo per scoprire nuovi libri e condividerli?

Chi?
"Figuriamoci!" è coordinato da Leyla Vahedi e Rita Petruccioli

Leyla (ass. Cartastraccia) é un'appassionata di albi illustrati sempre contenta di scoprirne di nuovi

Rita è illustratrice e fumettista."