Via Degli Aurunci n.38 Roma
Lunedì-Giovedì 10,00-24:00
Venerdì-Sabato 10:00-01:00
Domenica 15:00-23:00
c_180_250_16777215_00_images_reviati.jpg

MERCOLEDI 14 DICEMBRE ORE 19.30

DAVIDE REVIATI presenta

SPUTA TRE VOLTE

(Coconino Press)

Guido e i suoi amici: un gruppo di adolescenti di periferia. Vicino a loro una famiglia di nomadi slavi. Gli uni e gli altri, i 'gagi' e i rom, si fidano del corpo e dei gesti più che delle parole. Continuano a girare in cerchio per non fermarsi a pensare, ripetono i loro riti per istinto di sopravvivenza. Davide Reviati regala una nuova graphic novel: onirica, delicata e a tratti feroce ci parla della fragilità, della paura del diverso, della fatica di crescere. E il suo sguardo intenso e poetico si fa universale: dipinge una provincia cupa, ridicola e tragica e insieme sfiora i drammi della grande Storia. 

Davide Reviati è nato a Ravenna nel 1966. Frequenta l'Accademia di Belle Arti e il c.f.p. Albe Steiner. Pubblica su varie riviste come “Blue”, “Animals”, “Il mucchio selvaggio”, “La Nuova Ecologia”, “Kaos”, “Inguine MAH!gazine”, “Nonzi”, “Selene”, “Interzona”, “Tratti”. Reviati si è dedicato alla pittura, all'illustrazione per l'editoria e al fumetto. Ha collaborato con Il Mucchio Selvaggio, Lo Straniero, Blue e suoi disegni sono apparsi su Il Manifesto, La Stampa, L'Unità. È autore del romanzo a fumetti Morti di sonno, uscito per Coconino Press nel 2009. Il libro è stato tradotto in vari paesi, tra cui Francia, Spagna e Corea, e ha ottenuto il Premio Attilio Micheluzzi 2010 al salone internazionale Napoli Comicon, il premio Romics 2009 al salone di Roma, il Prix Diagonale 2011 a Ottignies Louvain La Neuve, in Belgio e il Prix dBD 2011 a Parigi. Dopo sette anni da Morti di sonno pubblica un nuovo romanzo a fumetti, edito da Coconino Press, intitolato "Sputa tre volte". Reviati continua ad alternare fumetto e pittura, partecipando a esposizioni personali e collettive.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_bbianchi.jpg

VENERDI 02 DICEMBRE
ORE 19.00
MATTEO B. BIANCHI
presenta
GENERATIONS OF LOVE - EXTENSIONS  (Fandango Libri)

Assieme all'autore interviene la scrittrice Antonella Lattanzi

In una chiacchierata informale Matteo B. Bianchi e Antonella Lattanzi raccontano la riedizione di Generations of Love, primo romanzo dell'autore milanese, pubblicato per la prima volta nel 1999. L'edizione è arricchita da una serie di racconti a carattere autobiografico nei quali ricompaiono i personaggi del libro, quasi cento pagine in più di storie parallele che si svolgono durante o dopo il periodo raccontato dal romanzo.

Matteo B. Bianchi ha pubblicato i romanzi "Fermati tanto così" (2002) ed “Esperimenti di felicità provvisoria” (2006), tutti per Baldini Castoldi Dalai editore. Ha pubblicato inoltre il memoriale “Mi ricordo” (2004) per Fernandel e la favola “Tu Cher dalle stelle” (2006) per Playground. Per sette anni è stato autore del programma quotidiano “Dispenser” di Radio Due RAI. Attualmente è uno degli autori dello show televisivo “Very Victoria”, in onda su MTV. Insieme al regista Max Croci ha realizzato sei cortometraggi: “Volevo sapere sull’amore”, “Cheesecake”, “Golden Hays”, “Babbo a spillo”, “Vedo cose” e “Castigo divino” (gli ultimi cinque prodotti da Sky Cinema). Scrive su “Linus”, “Rolling Stone” e “D di Repubblica” e dirige on-line la sua personale rivista di narrativa " 'tina ". "Generations of love" è la riedizione del suo primo romanzo, uscito nel 1999.

Antonella Lattanzi è nata a Bari nel 1979. Vive a Roma. Con Einaudi ha pubblicato due romanzi: "Devozione" (2010) e "Prima che tu mi tradisca (2013).

c_180_250_16777215_00_images_robinson.jpg

MERCOLEDI 7 DICEMBRE
ORE 21.30

BELLE FIGURE. Come le illustrazioni rendono attraenti i giornali

Con Stefano Cipolla e Francesco Franchi (La Repubblica)

Stefano Cipolla e Francesco Franchi dialogano sull'importanza dell'illustrazione editoriale, scorrendo immagini di autori famosi e raccontando il lavoro nei giornali e l'interazione tra grafico ed illustratore.

Francesco Franchi Nato nel 1982 è graphic desiner e giornalista. E' stato art director di IL Magazine; da settembre è approdato a Repubblica dove ha appena progettato Robinson, il nuovo inserto culturale della domenica.

Stefano Cipolla è caposervizio grafico del quotidiano la Repubblica

c_180_250_16777215_00_images_FIERAOFF2016def.jpg

DAL 7 ALL'11 DICEMBRE, TUTTE LE SERE

FIERA OFF 2016 - 5 APPUNTAMENTI CON L'ILLUSTRAZIONE

 

 
MERCOLEDI 7 DICEMBRE ore 21.30
BELLE FIGURE - Come le illustrazioni rendono attraenti i giornali
con Stefano Cipolla e Francesco Franchi

 

 
GIOVEDI 8 DICEMBRE ore 21.30
LA GRANDE ESTATE (Lazy Dog/Mutty)
con Olimpia Zagnoli e Melania Gazzotti
                                                                                                   
VENERDI 9 DICEMBRE ore 21.30
PIU' CANICOLA EDIZIONI A GIUFA' (Canicola)
Con Andrea Bruno, Fabio Donalisio, Federico Manzone,  
Nicolò Pellizzon e Alessio Trabacchini

SABATO 10 DICEMBRE ore 21.30
TAGLIARE LE NUVOLE COL NASO (Marcos y Marcos)
con Ella Frances Sanders e Ilaria Piperno

DOMENICA 11 DICEMBRE ore 21.30
ULTRACORPI (Lavieri)
con Gloria Pizzilli e Rita Petruccioli
c_180_250_16777215_00_images_leggoweb.jpg

DA VENERDì 16 A DOMENICA 18 DICEMBRE

OFFICINA CULTURALE VIA LIBERA
presenta

LEGGO PER LEGITTIMA DIFESA 2016 V Edizione 
Dal Quadraro alla città

a SCuP! - Sport e Cultura Popolare
Via della Stazione Tuscolana 82, Roma

Libreria a cura di Giufà

La rassegna di libri, teatro e musica nata al Quadraro.
Tre giorni per difendersi dalla paura con le parole.

Dall’amore per Roma all’amore per lo sport, all’amore e basta, passando per una decina di libri grazie alla guida di un folto gruppo di scrittori, oltre a spettacoli teatrali, reading musicali, interviste e incontri, una partita di calcio con i ragazzi di Liberi Nantes, una serata speciale dal tema “La verità, vi prego, sull’amore”, uno spettacolo per bambini, un incontro sulla cultura e la città, una libreria e tanti lettori appassionati.

Tra gli ospiti di quest’anno: Edoardo Albinati (vincitore del Premio Strega 2016), Luca Bergamo (l’assessore alla cultura del Comune di Roma), Roberto Latini, Guido Catalano, Mario Desiati, Paolo Di Paolo, Paolo Nori, Christian Raimo, Giovanni Truppi, Enrica Tesio.

E’ uno dei più bei festival letterari in cui io abbia messo piede. […]

La cosa per me bellissima, di ‘Leggo per legittima difesa’, è che, pur essendo un evento con cadenza annuale, il rapporto che intrattiene con il quartiere sembra continuo. Nei giorni del festival, ci trovi gente del Quadraro che si muove negli spazi delle presentazioni come a casa propria, e appassionati di letteratura venuti da altri quartieri. Alla fine sono tutti contenti. Gli scrittori, perché a sentirli c’è sempre tanta gente. I lettori, perché parlare di libri qui non sembra una cosa eccezionale ma consueta, quotidiana. L’impressione insomma è che (in realtà un’illusione) ‘Leggo per legittima difesa’ vada in scena ogni sera.”

Nicola Lagioia INTERNAZIONALE

Direzione artistica di Francesca ManciniDina Giuseppetti, Daniele Miglio, Maria Galeano, Loris Antonelli.

VISUALIZZA IL PROGRAMMA COMPLETO

c_180_250_16777215_00_images_nataleacido.jpg

MARTEDI 20 DICEMBRE ORE 22.00

NATALE ACIDO 2016

Racconti e canzoni velenose come antidoto alle solite feste

 

Per chi del Natale non sopporta le luminarie esagerate, le bontà esibite, le parabole mielate, le pubblicità martellanti, il traffico impazzito, l'albero accessoriato; per chi su questi nostri Natali urbani, commerciali e nevrotici sa anche scherzare.

Musicisti, scrittori professionisti e scriventi occasionali si danno il cambio al microfono, nel corso di una serata acida, leggera e divertente! 

Alla serata partecipano Daniele Miglio e Dina Giuseppetti, Paola Soriga, Alessandra Farro, Flavio Soriga, Nadia Terranova, Claudio Morici Melissa P, Carlo De Ruggieri, Giordano Meacci, Fernando Masullo. Chitarra polifrastica e tamburello onomatopeico: Ivan Talarico

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_culturaintrasformazione_3d.png

LUNEDI 28 NOVEMBRE
ORE 19,00
presentazione
LA CULTURA IN TRASFORMAZIONE. L'INNOVAZIONE E I SUOI PROCESSI (Minimum fax)

A cura di cheFare 

Questo volume raccoglie otto voci autorevoli di giornalisti, scrittori, filosofi, economisti che offrono un momento di riflessione culturale su quanto si sta facendo, dando testimonianza delle analisi in corso e fornendo uno strumento agile ma esaustivo per comprendere i cambiamenti in atto e le opportunità future.

cheFare è un'associazione che si occupa di produrre pratiche e riflessioni sugli attuali mutamenti culturali e su quelli futuri.Nata nel 2012 come bando per progetti culturali innovativi, dal 2014 è un’associazione non-profit - fondata da Bertram Niessen, Marco Liberatore, Marianna De Martin, Giacomo Giossi, Valeria Verdolini, Tiziano Bonini, Francesco Franceschi - che si occupa di produrre pratiche e riflessioni sugli attuali mutamenti culturali e su quelli futuri.

c_180_250_16777215_00_images_ZAGNOLI.jpg

GIOVEDI 8 DICEMBRE
ORE 21.30

OLIMPIA ZAGNOLI PRESENTA "LA GRANDE ESTATE" (LazyDog/Mutty)
Interviene Melania Gazzotti

Il libro scaturisce da un’esperienza vissuta in Toscana, d’estate. Olimpia Zagnoli, invitata dallo spazio culturale Mutty a tenere laggiù un workshop estivo, ci accompagna nell’esplorazione di un territorio espressivo da lei prima d’ora mai affrontato: il paesaggio. Lo fa percorrendo l’intero processo creativo, a partire da un’osservazione attenta e acuta, scomponendo la realtà percepita con l’uso di tecniche per lei inconsuete o nuove, stravolgendone i colori, e ricostruendola con il proprio inconfondibile stile, per giungere finalmente a trasmettere una visione della medesima realtà trasformata. Come spesso accade d’estate.

Olimpia Zagnoli vive a Milano ed è una delle più apprezzate illustratrici italiane. Le sue illustrazioni sono apparse su The New York Times, The New Yorker, La Repubblica, Taschen, TIME, Google, Marie Claire, New York Magazine, Rolling Stone, Monocle, Vanity Fair, Clinique, Air France, Yale University, The Guardian.

Melania Gazzotti Curatrice freelance e storica dell’arte specializzata nel rapporto tra immagine, parola e libro, lavora dal 2004 al 2010 presso il Mart – Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e di Rovereto. Nel 2013 ha vinto la Hilla Rebay international fellowship che le ha consentito di lavorare per il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, il Guggenheim Museum di Bilbao e per la Peggy Guggenheim Collection di Venezia. Nel 2015 è stata chiamata a lavorare per il Center for Italian Modern Art (CIMA) di New York.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_latoselvaggio.jpg

MARTEDI 29 NOVEMBRE
ORE 19.30
presentazione del libro
LATO SELVAGGIO. L'EROTISMO DEI GRANDI AUTORI DI BLUE (Comicout)

Saranno presenti LRNZ e Menotti, due dei nove autori del libro, Laura Scarpa, che ne è la curatrice e Adriano Ercolani "Conte Zarganenko", giornalista e critico, che modererà l'incontro.

Gli anni 90 hanno avuto, fino ai primi anni del 2000, nella testata di «Blue» il miglior rappresentante del fumetto adulto in Italia. 
Una rivista che ha fatto la storia italiana, attraverso la creatività dell’editore Francesco Coniglio, e che ha portato ai lettori i sogni, i segreti, le fantasie d’autore che riguardavano l’eros, la sessualità e il corpo. Molti di questi autori, allora giovani e fuori dagli schemi del fumetto erotico, oggi sono famosi e seguiti in libreria per importanti graphic novel . Questo volume raccoglie dei nomi esplosivi e dall'erotismo ironico e dirompente.
Lato Selvaggio, l'erotismo dei grandi autori di Blue, con le storie di Massimo Giacon, LRNZ, Maicol e Mirco, Menotti, Giuseppe Palumbo, Ratigher, Davide Reviati, Tuono Pettinato, Fabio Visintin.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_VITAFELICE.jpg

GIOVEDI 24 NOVEMBRE
ORE 19,30
ELENA VARVELLO
presenta 
LA VITA FELICE (Einaudi)

Interviene Teresa Ciabatti
 
La vita felice è un meccanismo a orologeria: il ticchettio inarrestabile che avvertiamo, pagina dopo pagina, è quello di una famiglia che sta per essere travolta. Accade tutto in una notte, e quella che era una minaccia diventa una ferita che non si può piú cancellare.

«Non ne sapevo niente, allora, dei modi in cui l'amore può manifestarsi, né della forza con cui può spingerci in un angolo e toglierci il respiro».

Elia ha sedici anni ed è un ragazzo solitario. Suo padre è stato licenziato e ha cominciato a comportarsi in modo strano, sparendo per ore a bordo di un furgone, chiudendosi in garage, scrivendo lettere che denunciano un complotto di cui si sente vittima. Elia prova a decifrare ciò che accade, mentre sua madre sembra non voler vedere. Fino alla notte d'agosto dopo la quale nulla sarà piú come prima: la piccola comunità di Ponte - già segnata dall'omicidio insoluto di un bambino - si sveglia sconvolta per il rapimento di una ragazza, salita la sera precedente su un furgone e poi svanita in mezzo ai boschi. Ma quell'estate per Elia è anche segnata dall'attrazione per Anna Trabuio, dall'amicizia per suo figlio Stefano, dalla scoperta lacerante dei propri desideri e dell'istinto di sopravvivenza. A raccontare tutto questo è Elia trent'anni dopo: un uomo che tenta di ricucire lo strappo del passato e illuminare il buio nella mente di suo padre, immaginando cosa sia accaduto davvero quella notte, e cosa significhi perdere se stessi. Ma soprattutto tenta di rispondere a una domanda: com'è possibile, dopo una ferita cosí profonda, sperare di essere felici? Tra La settimana bianca e Io non ho paura, Elena Varvello ha scritto una storia di formazione diversa da tutte le altre, che cattura il lettore con una lingua cesellata, dura e trasparente.


Elena Varvello è nata a Torino nel 1971. Ha pubblicato le raccolte di poesie Perseveranza è salutare(Portofranco, 2002) e Atlanti (Canopo, 2004). Con i racconti L'economia delle cose (Fandango, 2007) ha vinto il Premio Settembrini, è stata selezionata dal Premio Strega e nel 2008 ha vinto il Premio Bagutta Opera prima. Nel 2011 ha pubblicato il suo primo romanzo, La luce perfetta del giorno (Fandango). Per Einaudi ha pubblicato La vita felice (2016). È docente presso la Scuola Holden di Torino.

MARTEDI 22 NOVEMBRE
ORE 19.30
GIUSEPPE ZUCCO e CHRISTIAN RAIMO
presentano il libro
TUTTI BAMBINI (Egg Edizioni)

Un bambino prega in ginocchio davanti alla carta da parati. Altri bambini sentono rumori impressionanti provenire dal piano di sopra. Altri ancora non escono nelle fotografie o si nascondono nelle stanze di casa scoprendo il male e il suo antidoto. Tutti bambini racchiude queste e altre storie di piccoli esseri umani che a modo loro - nel modo che viene loro assegnato per una strana fatalità - fanno esperienza dei sentimenti primari. La vitalità crudele, l'amore senza aggettivi, lo stupore felice e lo sgomento di essere qui. Questi otto racconti tessono un romanzo di formazione delicato e policromo, dove prima di tutto s'impara che non possiamo comprendere e spiegare ogni cosa.

Giuseppe Zucco (1981) lavora alla Rai com programmista-regista. Alcuni suoi racconti sono apparsi su Nuovi Argomenti, Nazione Indiana, minima et moralia, Colla, Vicolo Cannery.

Christian Raimo (1975) è nato e cresciuto e vive a Roma. Ha studiato filosofia con Marco Maria Olivetti. Ha partecipato a diverse (meteoriche ma fondamentali) riviste letterarie romane: Liberatura, Elliot-narrazioni,Accattone - Cronache romane, Il maleppeggio - Storie di lavori. Ha tradotto per minimum fax Charles Bukowski e David Foster Wallace, e per Fandango il romanzo in versi di Vikram Seth The golden gate, insieme a Luca Dresda e Veronica Raimo. Nel 2015 è uscito per Einaudi Tranquillo prof, la richiamo io, il suo ultimo romanzo.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_rielli.jpg

MERCOLEDI 30 NOVEMBRE
ORE 19.30
DANIELE RIELLI
presenta
STORIE DAL MONDO NUOVO (Adelphi)

Assieme all'autore interviene Luca Ravenna

I fantasmagorici rituali - di iniziazione - dei promotori di startup, riuniti in conclave a Londra. I saturnali, al Mugello, di una delle ultime divinità disponibili in Italia, Valentino Rossi. Il matrimonio fra due rampolli di due miliardari indiani - per tacer dell'elefante - nel cuore della Puglia. L'incontro, a New York, con un sopravvissuto alla sua stessa leggenda, Frank Serpico. Il paradiso - o l'inferno - artificiale nella sua versione più aggiornata, il poker online. Non importa da quale ingresso Daniele Rielli decida di entrare nel diorama ibrido e surreale che chiamiamo contemporaneità. Importa come ne racconta, ogni volta, un angolo diverso. E quanto, ogni volta, riesca a farci ridere.

Daniele Rielli è nato nel 1982. Laureato in Filosofia, collabora con Il Venerdi di Repubblica, IL Magazine (Sole 24ore), ha scritto fra gli altri per Repubblica, Internazionale, Vice, Linkiesta ed autore anche di storie per la televisione e il teatro. Nel 2014 ha pubblicato con Indiana Editore Quitaly, raccolta dei suoi reportage. Dopo aver utilizzato per anni lo pseudonimo di "Quit the Doner" nel 2015 pubblica col suo vero nome il suo primo romanzo, Lascia stare la gallina (Bompiani).

Filippo Ravenna nasce a Milano nel 1987. Dopo il liceo si trasferisce a Roma per frequentare un'accademia privata di cinema. In seguito frequenta il Centro Sperimentale di Cinematografia come sceneggiatore. Vive e lavora a Roma. Ama giocare a tennis, leggere quotidiani e fare colazione. Fa parte del cast di "Natural Born Comedians".

c_180_250_16777215_00_images_canicolaok.jpg

VENERDI 9 DICEMBRE
ORE 21.30

PIU' CANICOLA EDIZIONI A GIUFA'
Fabio Donalisio e Alessio Trabacchini incontrano
Andrea Bruno, Federico Manzone, Nicolò Pellizzon

Tre illustratori si incontrano da Giufà per una chiacchiera di approfondimento su Cinema Zenit 3, L’ultimo paese e Horses, i loro ultimi lavori pubblicati.

Andrea Bruno (Catania, 1972) è stato tra i fondatori del gruppo Canicola, i suoi libri recenti sono "Brodo di niente" (Canicola, 2007), "Sabato tregua" (Canicola, 2009) e "Come le strisce che lasciano gli aerei" (Coconino Fandango, 2012, su testi di Vasco Brondi). Con la terza parte di "Cinema Zenit" arriva a conclusione il viaggio di Anna nel paese senza nome. Erede di grandi maestri come Alberto Breccia, Josè Munoz, Sergio Toppi, Hugo Pratt,
Andrea Bruno sperimenta modalità narrative che restituiscono una esperienza unica di lettura e visione.

Federico Manzone (Cuneo, 1988) ha pubblicato su Internazionale e collabora con graphic-news.com con reportage a fumetti, fa parte del collettivo di fumettisti Gruppo Maciste e collabora con il collettivo La Trama. "L'ultimo paese" (Canicola, 2016) è il suo graphic novel d'esordio che racconta la storia di un pittore di ex voto e un bambino miracolato nella soleggiata campagna meridionale, tra visioni del passato e volti consumati dalla fatica nei campi.

Nicolò Pellizzon (Verona, 1985) ha pubblicato il suo primo libro "Lezioni di anatomia" (GRRRžetic editrice) nel 2012 e successivamente "Gli amari consigli" (Bao Publishing, 2014). "Horses" (Canicola, 2016) è il suo ultimo lavoro, un’avventura metropolitana ispirata a Patti Smith e Robert Mapplethorpe nella New York mitica degli anni Settanta, sulle note del primo leggendario album della sacerdotessa maudit del rock.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_copertinadefale.jpg

MARTEDì 08 NOVEMBRE
ORE 19,30
ALESSIO CUFFARO
presenta 
LA DISTRAZIONE DI DIO (Autoririuniti)

Interviene Valeria Castrucci
Reading di Paolo De Vita

La distrazione di Dio Che forma daresti alla tua vita se potessi vivere quella di un altro? Scritto con eleganza e profondità, La distrazione di Dio risponde a questa domanda attraverso una storia che coinvolge e attrae, in grado di far viaggiare il lettore dentro un secolo, il Novecento, e parallelamente dentro tante vite che, in fondo, sono una sola. Con questo esordio originale, intenso e avvincente Cuffaro trova la perfetta misura tra invenzione e approfondimento psicologico, dando alla luce un romanzo di rara forza e spessore.

Alessio Cuffaro è nato a Palermo nel 1975. Ha studiato alla Scuola Holden. Vive e lavora a Torino. Ha scritto racconti per Linea d'ombra, "Pulp" ed è autore di tre favole brevi pubblicate nell'antologia "100 storie per quando è veramente troppo tardi" (Feltrinelli 2013).

Paolo De Vita attore per il teatro, per il cinema e per la televisione, ha lavorato, tra gli altri, con Marco Bellocchio (La visione del Sabba), Mimmo Calopresti (La parola amore esiste), Cristina Comencini (Matrimoni), Nanni Moretti (La stanza del figlio), Marco Tullio Giordana (La meglio gioventù) e Woody Allen (To Rome with love).

Valeria Castrucci nata a Parma, ha studiato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, alla Scuola Holden di Torino, alla Business School del Sole 24Ore. Documentarista, autrice e regista TV, appassionata di digital storytelling.

c_180_250_16777215_00_images_sandersok.jpg

SABATO 10 DICEMBRE
ORE 21.30

ELLA FRANCES SANDERS presenta
"TAGLIARE LE NUVOLE COL NASO"  (Marcos y Marcos)

Assieme all'autrice interviene ILARIA PIPERNO

Una raccolta di modi di dire dal mondo, un’occasione per conoscere Paesi e le loro splendide culture soltanto attraverso le parole. Una raccolta che ci permetterà di viaggiare pur restando comodi in poltrona.

Ella Frances Sanders è una scrittrice e illustratrice ventenne, o giù di lì, che per scelta vive un po’ ovunque, negli ultimi tempi in Marocco, Regno Unito e Svizzera. Ama realizzare libri fatti di vere pagine e disegnare per persone che le piacciono.
Non le fanno paura le domande né gli orsi.

Ilaria Piperno è nata e vive a Roma. Da piccola ha amato così tanto leggere Roald Dahl che la sua passione per i libri è divenuta insanabile. Da grande non rinuncia a sperare che Philip Roth vinca il Premio Nobel per la letteratura. Traduce e collabora da una decina d’anni con diverse case editrici come scout, lettrice di letteratura italiana e straniera, foreign rights manager.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_nannimoretti.jpg

MERCOLEDI 23 NOVEMBRE
ORE 19.30
PAOLO DI PAOLO E GIORGIO BIFERALI
presentano
A ROMA CON NANNI MORETTI (Bompiani)

Un diario di viaggio sui luoghi romani del cinema di Nanni Moretti, da Io sono un autarchico a Bianca, da Caro diario a Habemus papam fino a Mia madre, evocando le atmosfere, i personaggi, le battute proverbiali entrate nella memoria collettiva. Da queste pagine emerge non solo il rapporto del regista con Roma ma anche un suo ritratto a tutto tondo. Così, sulle tracce di Moretti, il lettore scopre una Roma diversa, fatta di case, di terrazze per niente mondane, di panchine, di piaceri anche minimi ma vitali come la musica, i dolci o semplicemente l’estate: una prospettiva sorprendente e "autarchica".

Giorgio Biferali è nato a Roma nel 1988, mentre Moretti girava Palombella Rossa. E' autore del saggio "Giorgio Manganelli. Amore, controfigura del nulla (2014) e ha curato Roma degli scrittori (2015).

Paolo Di Paolo è uno scrittore italiano. Nel 2003 entra in finale al Premio Italo Calvino per l'inedito, con i racconti "Nuovi cieli, nuove carte". Ha pubblicato libri-intervista con scrittori italiani come Antonio Debenedetti, Raffaele La Capria e Dacia Maraini. È autore di Ogni viaggio è un romanzo. Libri, partenze, arrivi (2007), Raccontami la notte in cui sono nato (2008). Ha lavorato anche per la televisione e per il teatro: "Il respiro leggero dell'Abruzzo" (2001), scritto per Franca Valeri; "L'innocenza dei postini", messo in scena al Napoli Teatro Festival Italia 2010. Nel 2011 pubblica Dove eravate tutti (Feltrinelli, vincitore del premio Mondello, Superpremio Vittorini e finalista al premio Zocca Giovani), nel 2012 nella collana di ebook "Zoom" Feltrinelli La miracolosa stranezza di essere vivi.
Nel 2013 con Mandami tanta vita (Feltrinelli), è finalista al Premio Strega 2013. Nel 2016 pubblica con Einaudi Tempo senza scelte e con Feltrinelli Una storia quasi solo d'amore.

c_180_250_16777215_00_images_ULTRACORPI.jpg

DOMENICA 11 DICEMBRE
ORE 21.30

GLORIA PIZZILLI racconta "Ultracorpi" (Lavieri)

Assieme all'autrice interviene RITA PETRUCCIOLI

Gloria Pizzilli racconta il suo ultimo lavoro, "Ultracorpi", pubblicato dall'editore Lavieri. 

Gloria Pizzilli (1983) è illustratrice e designer freelance. Dopo la laurea specialistica al biennio di Product Design all’ISIA di Firenze, riprende il cammino interrotto nel campo dell’illustrazione. Ha preso parte ad eventi e mostre internazionali, ha disegnato dal vivo ai festival di illustrazione quali il Picnic Festival di Reggio Emilia, l’Inchiostro Festival di Alessandria e il Limited Edition di Zurigo. Tra i committenti dell’autrice si annoverano The New Yorker, The New York Times, The Boston Globe, Wired Italia, GQ Usa, La Stampa, Feltrinelli, Mondadori e Teatro alla Scala.

Rita Petruccioli. Diplomata in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Roma e specializzata in Illustrazione all'ENSAD di Parigi, lavora come illustratrice dividendosi tra progetti personali, advertising, editoria, character design e web. Collabora, tra gli altri, con Telecom Italia, Eni, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Findus/Unilever, Sony Playstation, Ministero dei Trasporti, Ministero dell’Istruzione, Slow Food, American Express, Saatchi & Saatchi, Save The Children, Mondadori, BAO Publishing, Editori La Terza, Edizioni Milan, Edizioni Tunuè, Smemoranda, Comix, Left, La Nuova Frontiera Junior, ELI Edizioni, Editions Auzou, Lavieri.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_effe_5.jpg

GIOVEDì 06 OTTOBRE
ORE 19.00
PRESENTAZIONE DI
EFFE — Periodico di Altre Narratività #5 (Flanerì)

Presentazione dell'ultimo numero del periodico di narrativa inedita realizzato in collaborazione con lo studio editoriale 42Linee 

Saranno presenti Elena Nina Chiattelli, autrice del racconto “A casa ne parliamo”, Francesco Scarcella, editor di effe

Medierà l'incontro Sara Cappai

Uno street artist di fama internazionale (Andreco), otto illustratori e otto narratori – alla prima pubblicazione, emergenti o inclusi nella rosa finale del premio Strega (nel 2014 Antonella Cilento, nel 2016 Demetrio Paolin) – si sono dati appuntamento all’interno dell’uscita estiva di effe – Periodico di Narratività. Nei racconti di questo numero cinque leggerete di conigli massacrati, di sensi di colpa, di pezzaiuolifantasiosi, di pellegrini di stanza a Lourdes, di antieroi irrimediabilmente sudamericani, di scarafaggi francesi, di sopravvissuti al Terremoto e di accompagnatori di volo con l’ossessione per gli Usa: storie e illustrazioni inedite narrate attraverso stili diversi e diversi respiri ma accomunate dalla voglia di rendere omaggio alla narrativa di qualità e al genere del racconto.

I racconti inediti sono di: Cristiano Denanni, Elena Chiattelli, Demetrio Paolin, Valeria La Rocca, Renzo Vinzio, Gessica Franco Carlevero, Davide Franchetto, Antonella Cilento.

E le Illustrazioni sono di: Daniela Tieni, Soniaqq, Silvia Rocchi, Carol Rollo, Patrizio Anastasi, Kero, Alessandra De Cristofaro, Paolo Cattaneo, Andreco.

effe volume semestrale di narrativa inedita illustrata, nasce nel 2012, con l’intento di scandagliare il panorama narrativo italiano, offrendo una «zona franca» in cui gli autori esordienti siano sostenuti da scrittori già affermati e nella quale i migliori racconti inediti possano trovare pubblicazione. La tiratura limitata e la distribuzione diretta, vis-à-vis con i librai indipendenti, ribadiscono la volontà del progetto di pensare al libro come il risultato di un lavoro artigianale e insieme capace di riportare in auge lo sperimentalismo in campo narrativo, esulando dai soliti circuiti editoriali e proponendo la varietà di stile e di pensiero come principali premesse di indagine culturale.




 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_appunti.jpg

VENERDì 14 OTTOBRE
ORE 18,30
PHILIP O CEALLAIGH E LUCA RICCI
presentano
APPUNTI DI UN BORDELLO TURCO (Racconti edizioni)

Appunti di un bordello turco Cosa ci fa uno scrittore irlandese nella periferia di Bucarest? La risposta, ammesso che ci sia, si trova nei diciannove racconti di Appunti da un bordello turco, scritti con una lucidità disperata e un’ironia sferzante e ambientati tra Romania, Stati Uniti e Turchia. La visione di Ó Ceallaigh è tutto fuorché pacificata perché all’autore interessa sempre denudare il conflitto sotterraneo insieme alle contraddizioni più emergenti dei suoi personaggi. Vinti che si credono dei vincenti, gettati in un ambiente ostile e inchiodati in una routine paralizzante che credono di dominare ma da cui in realtà vorrebbero fuggire.

Philip Ó Ceallaigh (Waterford, Irlanda) vive a Bucarest da quindici anni ed è diventato scrittore dopo una lunga successione di lavori pagati persino peggio tra Irlanda, Spagna, Russia, Kosovo e Stati Uniti. Nel 2006 ha vinto il Rooney Prize.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_chefigura.jpg

LUNEDì 24 OTTOBRE
ORE 19,00
presentazione di
CHE FIGURA! (Quodlibet)
di CECILIA CAMPIRONI
Interviene Leyla Vahedi

Che figura! Metafora, Metonimia, Palindromo... sono solo alcune delle figure retoriche che arricchiscono la nostra lingua e che servono a capire e a raccontare la realtà. Tutti noi le usiamo, in modo naturale e spesso senza rendercene conto. Che figura! le trasforma in personaggi strambi e divertenti: dal Signor Litote che ormai ha il torcicollo a forza di fare no con la testa, a Miss Enfasi che sembra vivere a teatro, fino a mago Ossimoro, che si rinfresca col fuoco e si scalda col ghiaccio.

Volume realizzato con Ottimomassimo, libreria per ragazzi, Roma

Cecilia Campironi ancora studentessa inizia a lavorare con i bambini organizzando laboratori sulla lettura delle favole e la costruzione di libri e giochi di carta. Dal 2008 gestisce insieme ad altre due illustratrici Studio Arturo che si occupa di incisione e stampa artigianale. Che figura! è il suo primo libro.
www.ceciliacampironi.com

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_locandina_dorando_giufa_WEB.jpg

GIOVEDì 13 OTTOBRE
ORE 19,30
ANTONIO RECUPERO E LUCA FERRARA
presentano
DORANDO PIETRI 
Una storia di cuore e di gambe  (TUNUE)

interviene Ivano Maiorella capo ufficio stampa Uisp

L'epica narrazione per immagini della storia di Dorando Pietri, atleta emiliano che tagliò per primo il traguardo alla maratona dei giochi olimpici di Londra nel 1908, ma sorretto dai giudici di gara perché stremato, e perdendo per questo la medaglia d’oro. Il volume ripercorre tutte le tappe che l’hanno portato fino a quel momento, facendo un sapiente e largo uso dei flashback. Il graphic novel si presenta come un’efficace parabola sportiva, nata da una straordinaria storia finita troppo presto nel dimenticatoio.
Il volume è realizzato grazie al prezioso patrocinio della UISP, Unione Italiana Sport per Tutti, e parte da un’attenta prefazione proprio del suo presidente, Vincenzo Manco.

Antonio Recupero (Messina 1977), laureato in Giurisprudenza nella sua città natale, ha studiato sceneggiatura sotto la guida di Giorgio Pedrazzi alla Scuola internazionale di comics di Roma; qui conosce Cristian Di Clemente. Ha collaborato con le etichette Perfect Trip Production e Cronaca di Topolinia, oltre che con le community Gruppo Trinacria e Kinart. Collabora con le e-zine Fumettomania.net e Komix.it. Ha scritto due storie pubblicate su Mono#3 «Acqua» (Torello, disegnata da Cristian Di Clemente) e Mono #4 «Cibo» (Cena a due, disegnata da Giovanni Ruello). Attualmente vive a Roma, occupandosi di comunicazione. Con Cristian Di Clemente realizza il graphic novel Tunué Non c'è trucco.

Luca Ferrara (Cava dè Tirreni, 1982) fumettista e creativo pubblicitario unisce alla necessità di disegnare la passione per il teatro amatoriale e la recitazione. Con Tunué ha pubblicato nel 2013 Gli altri, dal testo teatrale di Maurizio de Giovanni e con la sceneggiatura di Alessandro Di Virgilio. Inoltre ha disegnato e co-sceneggiato Pippo Fava. Lo spirito di un giornale (2010, Round Robin) e Antonino Caponetto. Non è tutto finito (2012, Round Robin).

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_gazzanica.jpg

MERCOLEDì 28 SETTEMBRE
ORE 19.30
RICCARDO GAZZANICA
presenta
NON DEVI DIRLO A NESSUNO (Einaudi)
Interviene John Vignola

Non devi dirlo a nessuno Estate 1989. Luca, adolescente genovese, trascorre l'estate a Lamon, un piccolo centro sulle montagne del Veneto. Il suo migliore amico è Alessio, villeggiante e un po' sfigato come lui. Il suo amore è Chiara, ma a lei piace Samuele, che ha già lo scooter e pure l'orecchino. Una sera, Luca e il fratellino Giorgio si addentrano nel bosco alla ricerca di un tasso. Lí si accorgono che due occhi li fissano dal buio. Scappano, convinti di essere seguiti, ma, arrivati alla porta di casa, si voltano e non vedono nessuno. C'era davvero una presenza che li spiava nascosta tra gli alberi? E chi guida la macchina nera che compare in paese qualche sera dopo e sembra pedinare Luca?
Dopo il successo di A viso coperto, Premio Calvino 2012, Riccardo Gazzaniga torna con un romanzo in cui si mescolano paura, innocenza e tradimento.

Riccardo Gazzaniga (Genova, 1976) ha pubblicato per Einaudi A viso coperto (2013, Premio Calvino), è fra gli autori di Undici per la Liguria (2015) e Non devi dirlo a nessuno (2016).

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_Laguidaufficiosacalcio.jpg

MERCOLEDì 26 OTTOBRE
ORE 19,30
presentazione di
LA GUIDA UFFICIOSA CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO SERIE A 2016-17
(Baldini & Castoldi)
a cura di Timothy Small e Daniele Manusia

con Daniele Manusia interviene la redazione romana dell'Ultimo Uomo: Emanuele Atturo, Emiliano Battazzi, Fabrizio Gabrielli

La guida ufficiosa al campionato italiano di calcio Serie A 2016-17 è un almanacco molto ragionato a cura della redazione de l’Ultimo Uomo, la tua rivista di sport online preferita. Dieci dei nostri migliori autori vi introducono alle principali tematiche del nuovo campionato italiano. Sono 20 capitoli, ciascuno dedicato a una squadra, intervallati da alcune sorprese pazze da scartare come caramelle.
Ogni squadra è presentata attraverso le sue storie più interessanti, i suoi giocatori più attesi, le sue idee tattiche. Ma anche per il momento storico da cui proviene e con quali aspettative approcciare la nuova stagione. Una guida bella da riporre in libreria, ma anche fondamentale per migliorare la vostra esperienza di spettatori della Serie A: per gustarsi gli anticipi dell’ora di pranzo, per offrire letture tattiche impeccabili il lunedì mattina al bar, o anche solo per non sbagliare troppi acquisti al Fantacalcio. Buon divertimento.

L’Ultimo Uomo è un pluripremiato sito di analisi, approfondimento e racconto sportivo nato a luglio del 2013 e co-fondato, tra Milano e Roma, da Timothy Small e Daniele Manusia.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_cartolina-fronte.jpg

MARTEDì 04 OTTOBRE
ORE 18.30
In collaborazione con TEATRI DI VETRO
Festival delle arti sceniche contemporanee

INCONTRO - CHI HA LE PALLE PER PARLARE DI FUMETTO E TEATRO?
Aspettando Scarabocchi...

Interverranno Maicol&mirco e Andrea Fazzini
Coordina Adriano Ercolani AKA Conte Zargarenko

Maicol&mirco e Teatro Rebis lanciano una provocazione: chi ha le palle per parlare di fumetto e teatro? Loro le hanno avute e non si sono limitati a parlarne, ma si sono spinti al punto da farli comunicare, traducendo il linguaggio del primo nelle forme dell’altro, dando vita a uno spettacolo.

Gli Scarabocchi di Maicol&mirco sono un vestito stracciato. Un sassolino nelle scarpe. Il sale nel caffè, il dente da latte sputato in terra. L'incendio di una biblioteca. Il sorriso di un decapitato.
Sono una guerra persa.
Profondi e vuoti. Come un burrone.

Scarabocchi in teatro, nasce proprio dalla collaborazione di Teatro Rebis con Maicol&mirco, ed è la metamorfosi scenica dei loro brutali e innocenti fumetti, dove i corpi sono incastonati in scomode reticenze, dove gesto e parola, ridotti all'essenziale, tentano di abbozzare l'immagine 'purificata' di un'umanità risibile e sconcia. 

Il 5 ottobre Scarabocchi andrà in scena alle 22.30 a Centrale Preneste.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_nostrosangue.jpg

LUNEDì 17 OTTOBRE
ORE 19,30
SARA TAYLOR
presenta
TUTTO IL NOSTRO SANGUE (Minimum Fax)
Interviene Claudia Durastanti

Tutto il nostro sangue In un arcipelago al largo delle coste della Virginia, lungo un arco di tempo che va dal 1855 a un postapocalittico e distopico 2143, si intrecciano le storie di due famiglie. Queste isole – per alcuni un santuario, per altri una terra di incubi – avvolgono le esistenze dei personaggi in una rete di miserie e piccoli miracoli.
La determinazione di due sorelle che si stringono l’una all’altra in una famiglia devastata dalle metanfetamine; una ragazza che lotta per emanciparsi da un padre alcolizzato; una donna che decide di fuggire da una famiglia violenta per ritrovarsi tra le braccia di un uomo forse peggiore: relazioni tumultuose che scorrono lungo i rami di un albero genealogico, sullo sfondo di un paesaggio pericoloso e ammaliante. Un turbinio di vicende che trascina il lettore in un’esperienza estrema di nascita e morte, di giuramenti e di istinti primitivi e vili.
La voce di Sara Taylor, avvicinata dalla critica a quella di Flannery O’Connor, è intrigante e selvaggia. Tutto il nostro sangue è un romanzo abitato da storie e personaggi ambigui, colmo di situazioni grottesche e pervaso dal soffio della letteratura gotica del sud degli Stati Uniti.

Sara Taylor Nata nella Virginia rurale dove ambienta le sue storie, si è diplomata al college, ha aperto una caffetteria e ha completato a sua formazione con un Master of Education presso la University of East Anglia.Tutto il nostro sangue è il suo primo romanzo.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_suriperb.jpg

VENERDì 16 SETTEMBRE
ORE 18,30
SUR intervista IPERBOREA

con Marco Cassini e Pietro Bianciardi

Un confronto tra l'editoria indipendente romana e quella milanese, tra l'America Latina e la Scandinavia, tra Marco Cassini di edizioni sur e Pietro Biancardi di Iperborea Casa Editrice.
Con l'occasione sarà presentato, birra alla mano, il ciclo di workshop di editoria organizzati dalla Scuola del libro.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_scrittoridapalco.jpg

GIOVEDì 03 NOVEMBRE
ORE 19,00
SCRITTORI DA PALCO

reading è tratto dall'omonimo libro SCRITTORI DA PALCO

con Flavio Soriga, Lalla Careddu. Paola Soriga, Nicola Mameli, Nicola Muscas e altri

Il festival letterario Sulla terra leggeri è sempre stato un luogo d'incontro per chi ha voglia di provare a raccontare, in molti modi, con linguaggi diversi, la realtà che gli sta intorno.

"lo scorso anno abbiamo messo insieme alcuni di questi tentativi di racconto in un librino che si intitola RACCONTI DA PALCO, e che raccoglie storie divertenti e malinconiche, personaggi comici e tragici, toni e voci diversissime tra loro - ma che tutte, secondo noi, spiegano un po' cosa è oggi la Sardegna, dalle sale giochi di Sassari e Giba a un carcere cagliaritano - cosa è oggi davvero la nostra terra aldilà degli stereotipi con cui tutti pure ogni tanto amiamo giocare."

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_absolut.jpg

VENERDì 21 OTTOBRE
ORE 20,30
GIORGIO VASTA 
presenta
ABSOLUTELY NOTHING

Storie e sparizioni nei deserti americani (Quodlibet)

Fotografie di Ramak Fazel

Intervengono Andrea Cortellessa e Giuseppe Zucco

Come lo scorpione che nella favola punge la rana e affoga con lei perché non può fare diversamente, al deserto tocca essere irredimibile

Cosa resta di un viaggio nei deserti americani? La luce accecante, la polvere, le ghost town e altre reliquie dell’abbandono – un ippodromo-astronave, le rive di un lago fossile, un cimitero di aeroplani. Restano pagine fitte di appunti raccolti in ottomila chilometri costellati di imprevisti e digressioni attraverso California, Arizona, Nevada, New Mexico, Texas e Louisiana. A percorrerli, con Giorgio Vasta, ci sono il fotografo Ramak – camicia hawaiana, sorriso cordiale, e una spiccata attitudine a complicarsi la vita – e Silva, pianificatrice e baricentro razionale del viaggio. Doveva essere un reportage, una guida letteraria; ma quando ciò che accade nel deserto – per eccellenza luogo di miraggi e sparizioni – si rivela il preludio di quello che succederà nella vita dello scrittore al suo ritorno, l’asse del libro si modifica: le persone diventano personaggi, e per Vasta il viaggio negli spazi americani diventa un viaggio nella propria immaginazione. 

A fare da contrappunto, le fotografie di Ramak Fazel, che del racconto sono espansione, verifica e, allo stesso tempo, smentita. Ritratto dell’America, ragionamento sul suo mito e omaggio alle sue narrazioni, Absolutely Nothing traccia un itinerario che collega scrittura documentaristica e fiction, riflessione e autobiografia, per provare a comprendere cosa accade ai luoghi – e alle nostre esistenze – quando le persone che li hanno abitati (che ci hanno abitati) se ne vanno via.

Giorgio Vasta (Palermo, 1970) ha pubblicato il romanzo Il tempo materiale (minimum fax, 2008, Premio Città di Viagrande 2010, Prix Ulysse du Premier Roman 2011), Spaesamento (Laterza, 2010), Presente (Einaudi, 2012, con Andrea Bajani, Michela Murgia, Paolo Nori). Con Emma Dante ha scritto la sceneggiatura del film Via Castellana Bandiera (2013). Collabora con «la Repubblica», «Il Venerdì», «Il Sole 24 Ore» e «il manifesto», e scrive sul blog letterario minimaetmoralia.com

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_scuolalibro.jpg

GIOVEDì 22 SETTEMBRE
ORE 18,30
SCRITTORI A SCUOLA: A CIASCUNO IL SUO

I docenti dei corsi di scrittura della SCUOLA DEL LIBRO si mettono in gioco!

Una serata divertente, un aperitivo in compagnia, libri in palio e l'opportunità di saperne di più sui corsi di scrittura organizzati dalla scuola del libro.

Saranno presenti:
Nadia Terranova, Carola Susani, Francesco Pacifico, Francesca Serafini, Giordano Meacci, Giorgio Vasta, Luca Ricci, Rossella Milone, Laura Ganzetti.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_Assassinio.jpg

VENERDì 23 SETTEMBRE
ORE 19,00
presentazione di
ASSASSINIO SULLA PALMIRO TOGLIATTI (Baldini & Castoldi)
di Marco Ciriello

Insieme all'autore interviene Simonetta Sciandivasci

Assassinio sulla Palmiro Togliatti Il commissario arcicattolico Rosa Salieri e il pragmatico ispettore Crotone affrontano insieme il caso dell’uccisione di uno spacciatore, Il Thailandese, e si perdono e ritrovano catapultati in una Roma surreale e violenta. Ne vien fuori un noir pieno di personaggi divertenti e assurdi, che dalla Palmiro Togliatti arrivano al raccordo anulare passando per la stazione Termini, tra un elefante che tampona auto e una scimmia che gira un film. In mezzo un trio musicale, il cui leader viene coinvolto nell’omicidio del Thailandese per colpa di un ex giocatore di calcio che vive nel ricordo del suo incontro con Totti. E ancora: puttane cinesi, trans brasiliani, oneste parrucchiere africane che non disdegnano di farsi spie, ex olimpionici di boxe, un tagliatore di mani, un giovane poeta romano fucilato dal padre, un cuoco assassinato da un inserviente, una ricca imprenditrice di veleno per topi e la partita di Champion’s League tra Roma e CSKA. Il tutto è raccontato dal blogger Beppe Gronchi, attraverso il suo sito «Pissy Pissy», e dai distorti commenti di Tommaso de Marzio, un confuso giallista di fama che scrive su ogni rivista. Questo lo scenario della guerra in corso per pijasse Roma e poterne gestire lo spaccio tra il feroce capo dei russi, Koba, e Il Nigeriano, boss della mafia nera.
Assassinio sulla Palmiro Togliatti è un romanzo ironico che prende in giro la scrittura di genere e il racconto della cronaca nera. Un grande fumetto che riscrive la realtà romana.

Marco Ciriello scrittore e giornalista, ha pubblicato: In corsa (2004), Qualcuno era venuto a turbare il nostro cuore (2006), Tutti i nomi dell’estate (2009), Grande Atlantico. Cargo ship stories (con Maria Vittoria Trovato, 2010), Pace alle acque (2010), SanGennaroBomb (2011), Il vangelo a benzina (2012), Per favore non dite niente (2014), Il più maldestro dei tiri (2015). Scrive per «Il Mattino» e «Il Messaggero». Ha due blog, Herzog, sul sito del mattino, e Mexicanjournalist.

c_180_250_16777215_00_images_giufaestate.jpg

Attenzione! Attenzione!
LA LIBRERIA GIUFA' rimarrà aperta per tutta l'estate!

Il 13,14 e 15 Agosto ci riposiamo un po' per poi riaprire tutti belli pimpanti Martedì 16 Agosto!

Non vi rimane altro che passare a trovarci!

Sempre e comunque Buone Letture!

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_12-campionato.jpg

DOMENICA 18 SETTEMBRE
ORE 15,30

LIBRERIA GIUFA' in collaborazione con NoiBiliardino 
presenta :
12° CAMPIONATO DI BILIARDINO LETTERARIO!!
Non vale rullare e non vale passetto!

Come si partecipa?

1) Scegli un compagno o una compagna di squadra

2) Scegliete insieme un libro, il titolo darà il nome alla vostra squadra

3) Per l‘iscrizione, portate in libreria il libro scelto entro e non oltre Venerdì 16 Settembre

4) Entrambi i giocatori si dovranno presentare il giorno del torneo alle ore 15,30 per l’appello. Pena eliminazione dal torneo!

5) Il montepremi sarà costituito da tutti i libri ricevuti !

E per chi volesse comprare il libro dell’iscrizione da Giufa‘ avra’ diritto ad uno sconto del 10% sul prezzo di copertina!

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_cleopatra.jpeg

GIOVEDì 29 SETTEMBRE
ORE 19,00
CLAUDIA DURASTANTI
presenta
CLEOPATRA VA IN PRIGIONE (Minimum Fax)
Con l'autrice interviene Christian Raimo

Cleopatra va in prigione Ogni giovedì Caterina va a trovare Aurelio, il suo ragazzo, nel carcere di Rebibbia. Sono entrambi figli dell’estrema periferia romana, e in passato hanno provato a costruire un sogno insieme: gestire un night club. Ma le cose sono andate diversamente dai loro progetti e Caterina, ex ballerina di danza classica, si è ritrovata a lavorare come spogliarellista proprio nel locale di Aurelio. Adesso lui è in prigione, ed è convinto che lo abbiano incastrato. Come reagirebbe se sapesse che, una volta uscita di lì, la sua ragazza si infila tra le lenzuola del poliziotto che lo ha arrestato?
Cleopatra va in prigione è un romanzo struggente, duro, pieno di colpi di scena, ambientato in una Roma molto più vasta e sconosciuta di ciò che si potrebbe immaginare. Claudia Durastanti scatta una fotografia vivida e accorata della periferia urbana, il vero luogo dove in questi anni nascono le storie, e soprattutto racconta chi, nonostante le delusioni e i sogni infranti, continua a vivere e ad amare.

L'illustrazione di copertina è di Manuele Fior

Claudia Durastanti (Brooklyn, 1984) è scrittrice e traduttrice. Ha pubblicato per Marsilio due romanzi, Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra (2010) e A Chloe, per le ragioni sbagliate (2013). Si occupa di libri per diverse testate. Vive a Londra.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_storiediunattesa.jpg

GIOVEDì 16 GIUGNO
ORE 19,30
SERGIO ALGOZZINO
presenta
STORIE DI UN'ATTESA (Tunue)

Con l'autore interviene Mirko Tommasino di Jeek Area

Storie di un'attesa Tre storie distanti nel tempo. Un principe palermitano decide nell'Ottocento di partire per la Terrasanta, ma è molto più importante la preparazione del viaggio stesso. Due persone si sfidano, all'inizio del secolo scorso, in una partita a scacchi per corrispondenza, ma nel tempo scoprono come l'esistenza abbia scavato un abisso fra di loro. Un ragazzo, negli anni Novanta, si ritrova ad aspettare la ragazza con cui si è dato appuntamento, solo con i suoi pensieri.A legare le vicende l'aspettare con pazienza il tempo che scorre e i cambiamenti che ne vengono, per riscoprire, in un'epoca di frenesia, il valore dell'attesa.

Sergio Algozzino Inizia la sua attività su Fandango e Piccoli Brividi di Panini Comics. Lavora sia in Italia che in Francia. Tra il 2008 e il 2009 pubblica Ballata per Fabrizio De André, Pioggia d'estate e Comix Show per la 001 Edizioni. Dal 2010 scrive e disegna L'Etrangèr, una nuova strip per il Lanfeust Mag, e nel 2012 suo è uno dei cinque racconti che compongono Hellzarockin', progetto collettivo dedicato ai mostri sacri del rock. Sempre rimanendo nell'ambito delle leggende della musica pop, nel 2013 pubblica Dieci giorni da Beatle. Dal 2014 Memorie a 8bit, una raccolta di racconti a metà fra diario e romanzo di formazione generazionale. Dal 2012 tutte le sue opere sono pubblicate da Tunué, per cui è anche co-ideatore della rivista Mono.

 

c_180_250_16777215_00_images_BUSCHALLENGER.jpg

SABATO 18 GIUGNO
ITALIAN BUS CHALLENGE, IL BUS DI LETTI DI NOTTE
Tre librerie, tre eventi, tre città un unico tour, tutto in una giornata!

Per festeggiare Letti di Notte, la festa che si svolge ogni anno nelle librerie Italiane più intraprendenti,
GIUFA' 
, ALTRQUANDO e PALLOTTA hanno deciso di progettare un pazzo tour che le colleghi. E come mai?


Quest’anno durante Letti di Notte ogni libreria è chiamata a diventare una Città, e noi golosi di librerie abbiamo subito pensato: perché fermarsi a visitarne solo una?
E infatti… Sali a bordo dell’Italian bus challenge, allacciati la cultura e noi pensiamo a tutto il resto!

Ecco il percorso:

Il tour inizia alle 16 in libreria, dove Claudio Morici e Giuseppe Rizzo saranno protagonisti di un reading sulla città di Palermo. Poi, con il bus si arriva alle 19 da Altroquando, che si trasforma in Utopia, paese da costruire con le letture dei presenti. Infatti, chiunque può partecipare al reading con un passaggio tratto da un libro. Infine, alle 24, si torna a Roma presso Libri e Bar Pallotta, per ballare e festeggiare la notte dedicata ai libri e alle librerie.

Cosa offriamo a gli intrepidi viaggiatori:
Un PassAperto per il bus turistico cabriolè che sarà il nostro mezzo di trasporto
Un bauletto per il viaggio piena di chicche editoriali
Una giornata ricca di eventi, reading, musica, presentazioni, giochi
Tre banconote del tempo drink e snack in ogni libreria
Biglietto di entrata alla discoteca dell’Ex Dogana
Di essere pionieri di un viaggio senza precedenti

 IL BIGLIETTO COMPRENSIVO DI TUTTO ciò al memorabile prezzo di 25€
Come acquistarlo? Recandovi in questi giorni presso una delle tre librerie (i posti sono limitati!)

Altre informazioni sulla pagina facebook

ALTROQUANDO via del Governo Vecchio 80, 82
LIBRERIA GIUFÀ via degli Aurunci 38
LIBRI&BAR PALLOTTA piazzale di Ponte Milvio 23

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_cartolina-fronte.jpg

VENERDì 30 SETTEMBRE
ORE 19,00
TEATRI DI VETRO
Festival delle arti sceniche contemporanee
10°edizione Difetto di massa

PROVE DI ABBANDONO
di e con Paola Bianchi, Ivan Fantini

La lettura del romanzo di Ivan Fantini Educarsi all’abbandono ha generato immagini che non potevano essere trattenute. Le immagini sono diventate movimento, quel movimento ha chiamato le parole e quelle parole i suoni. Così è nato PROVE DI ABBANDONO, azione coreografica, stralci di lettura e composizione musicale, tre linguaggi diversi che si compenetrano e sostengono vicendevolmente.

PROVE DI ABBANDONO chiama la vicinanza, predilige una visione ravvicinata, un contatto intimo con lo sguardo. Il lavoro coreografico si sviluppa all’interno del corpo, delle fasce muscolari, della postura scheletrica. Un corpo in uno spazio chiuso, ridotto, una coreografia di postura, di tensione, una coreografia puntuale, minuta, concentrata sul particolare, dove i confini del luogo dell’azione si perdono nello spazio della visione.

PROVE DI ABBANDONO abita luoghi, non attraversa spazi, che siano essi case private, luoghi condivisi da una comunità o abbandonati.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_Lacey_roma.jpg

GIOVEDì 09 GIUGNO
ore 20,00
INCONTRO CON CATHERINE LACEY
Presentazione di
NESSUNO SCOMPARE DAVVERO (SUR)

La scrittrice americana incontra i lettori nella sua unica tappa romana in compagnia di Carola Susani e Martina Testa

Nessuno scompare davvero Elyria, 28 anni, ha un lavoro stabile e un marito a New York: ma un giorno, senza dare spiegazioni, molla tutto e parte con un volo di sola andata per la Nuova Zelanda. Passerà mesi a vagare in autostop fra le campagne di quel paese sconosciuto, incrociando le vite di altre persone e tentando di dare un po’ di pace alla sua. Scopriamo che Elyria ha un passato difficile (una madre alcolizzata, una sorella adottiva suicida, allieva del professore che è poi diventato suo marito), ma la fuga non è causata da crimini o violenze: nasce da un malessere esistenziale tanto profondo quanto difficile da definire; e il romanzo è, di fatto, un viaggio nella mente della narratrice, capace di osservazioni acutissime sul mondo, ma anche preda di improvvisi squilibri; dentro di lei, dice, si muove un bufalo riottoso che non riesce a placare. Elogiato dalla critica come uno dei migliori esordi dell’anno, sostenuto da una scrittura incalzante e quasi ipnotica, Nessuno scompare davvero è una sorta di road movie introspettivo che spiazza e appassiona il lettore. 

Catherine Lacey è nata a Tupelo, nel Mississippi, nel 1985, e vive a New York. È stata scelta dalla rivista Granta come una delle migliori nuove voci del 2014, ed è stata finalista allo Young Lions Award, il premio della New York Public Library per i migliori autori under 35. Nessuno scompare davvero, il suo romanzo d’esordio, è stato incluso fra i migliori libri dell’anno dal New Yorker, dall’Huffington Post, daVanity Fair e da Time Out.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_lascelta.JPG

MARTEDì 31 MAGGIO
ore 19,00
GIOVANNI DOZZINI presenta
LA SCELTA (Nutrimenti)

con l'autore interviene  Vins Gallico

La Scelta Nel giugno del 1944 l'Italia è divisa in due. I tedeschi continuano a dettare la loro legge spietata di occupatori, ma gli alleati li costringono a ritirarsi progressivamente verso nord. Nel cuore del paese, poco sopra la linea del fronte, uno sparuto numero di ebrei scampati alla deportazione ha trovato rifugio su un'isola. Gli abitanti del villaggio affacciato sul lago Trasimeno conoscono alcune di quelle persone nascoste lassù al Castello, che a volte si sono spinte giù al borgo. Ma finora la guerra ha risparmiato quel piccolo pezzo di terra circondato dall'acqua, e i tedeschi hanno fatto la spola, di tanto in tanto, solo per prendere del pesce dai pescatori.
Una mattina, però, un drappello sbarca e con un pretesto inizia a perquisire casa dopo casa. La tragedia si consuma improvvisa: a causa di un tafferuglio i soldati uccidono due civili e, per reazione, uno di loro viene colpito a morte. I tedeschi se ne vanno ma è certo che torneranno. Agli isolani non resta che compiere la scelta: attendere o scappare. E ancora, consegnare gli ebrei sperando di sottrarsi alla rappresaglia, o fare ciò che è umanamente giusto: aiutarli a salvarsi.
Ispirandosi a un fatto realmente accaduto ma sconosciuto fuori dai confini locali, Giovanni Dozzini scrive un romanzo storico dall'andamento epico, una trama corale di umanità ed eroismo.

Giovanni Dozzini è nato a Perugia nel 1978. È scrittore, traduttore e giornalista. Ha scritto, soprattutto di libri e musica, per Europa, Corriere dell'Umbria, Huffington Post, pagina99 e Nazione Indiana. È tra gli organizzatori di Encuentro, festival di letterature in lingua spagnola. 

c_180_250_16777215_00_images_kinovillage.jpg

Insieme agli amici della Libreria Altroquando saremo ospiti del SUMMER KINO 2016 presso l'Ex Dogana (Via Scalo san Lorenzo 10)

Tre mesi di CINEMA ALL'APERTO, EVENTI, MUSICA, READING, TORNEI, STAND UP COMEDY, FESTE
Un vero e proprio villaggio con sei punti ristorazione, cocktail bar, e una fresca zona giardino!

Ecco i nostri prossimi appuntamenti che avranno come sfondo la suggestiva struttura post industriale dell'Ex Dogana:

Lunedì 18 Luglio  ore 20 Il mio primo dizionario delle serie tv cult con Matteo Marino e Claudio Gotti, Becco giallo Edizioni

Martedì 19 Luglio ore 20 ALEJANDRO GONZÁLEZ IÑÁRRITU Metafisica e metacinema di Fabio Morici, Sovera Edizioni

Mercoledì 20 luglio ore 20 Il violento mestiere di scrivere, Alessandro Leogrande, La Nuova Frontiera


Segui tutto il programma su Kino Summer 2016

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_qsignorina.jpg

LUNEDì 23 MAGGIO
ore 19,00
Presentazione della graphic novel
QUASI SIGNORINA
(Topipittori)
di Cristina Portolano

Dialogherà con l'autrice
Rossella Milone 

Quasi Signorina Cristina nasce a Napoli. È la fine degli anni Ottanta e fra camorra, terremoti e incidenti in centrali nucleari, la vita sembra piuttosto complicata. Ma se sei vispa e creativa, c’è una soluzione per tutto: come leggere gli adorati fumetti, disegnare, imparare l’autodifesa da tuo fratello grande, chiacchierare dei tuoi guai con Diego Armando Maradona e scrivere e ricevere lettere dalla Barbie. Tutte cose utilissime per crescere con un’idea personale delle cose e imparare a dire di no ai vestitini che pungono, alle ingiustizie, alle ipocrisie degli adulti, alle idee stupide sulle bambine, come quella che se sei femmina sei una bella bambolina nata per soffrire. 

Cristina Portolano nasce a Napoli nel 1986. Dopo il liceo artistico, studia a Bologna all'Accademia di Belle Arti. Dopo l'Erasmus a Parigi, all' École nationale Supérieure des Arts Décoratif, si appassiona alla grafica d'arte e all'incisione. Oggi, disegna storie a fumetti, è illustratrice, insegna educazione artistica alle scuole medie e tiene laboratori di disegno e arte murale. Ha pubblicato suInternazionale, Lo straniero, Hamelin, Illywords, Napoli Monitor, e per collettivi di autoproduzione come Ernest virgola, Delebile, Teiera, Squame. Ha vinto diversi premi ed esposto in Italia e all'estero in mostre personali e collettive. Vive e lavora a Bologna.

Cristina Portolano 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_librimigranti.jpg

MARTEDì 10 MAGGIO
ore 19,30
presentazione di
SULL'ORLO DELLE COSE
di Livia Claudia Bazu
E LIBRI MIGRANTI di Melita Richter
(Cosmo Jannone)

Assieme alle autrici interverranno
Maria Cristina Mauceri
Christiana De Caldas Brito
Helene Paraskeva
Sarah Zuhra Lukanic

Sull'orlo delle cose
"Niente mi appartiene del tutto e a tutto sento di appartenere, dalla tundra ai tropici, dalla delicatezza del ricamo alla crudeltà dello stupro, a mille mestieri e modi di vivere, dalla devozione alle piccole cose di chi è capace di custodire per un secolo il ricordo di un fiore alla disinvoltura di vivere solo intenso presente. Vorrei non escludere nulla, e so che non si può, perché in tutto e in tutti c’è un’eco di me e viceversa, ma mai tutto, e posso sempre dire e sentire solo una parte, e solo una cosa per volta. Cerco allora sempre di unire ciò che è separato, lontano. Così mi vien da scrivere, per mettere insieme cose e persone e luoghi, sentirle e farle sentire parte l’una dell’altra, aspetti l’una dell’altra, stagioni, momenti, incidenti, continuazioni l’una dell’altra."
Livia Claudia Bazu Nata nel 1978 a Bucarest, laureata in Letteratura comparata, con la tesi Toni Morrison and Nadine Gordimer: writing on the colour line. Nel 2005 nasce suo figlio Leonardo. Nel 2008 consegue il Dottorato di ricerca in linguistica con la tesi Significare altrove: contaminazione e creatività nelle realtà interculturali italiane. Scrive poesia e racconti sulle riviste El Ghibli, Kumà, Sagarana e in antologie quali Impronte (Besa, 2003), Babel Hotel (Infinito Ed., 2012), Animali diversi (Nomos Ed. 2011), Tu sei il mio volto (Ensemble Ed., 2013). Conduce laboratori di scrittura creativa plurilingue e laboratori di educazione al plurilinguismo. Fa parte della Compagnia Internazionale delle Poete fondata da Mia Lecomte.

Libri migranti Trentanove voci narranti, altrettanti universi di contatto con i libri e la lettura nel particolarissimo contesto della migrazione. Libri in fuga, che accompagnano gli uomini e le donne in fuga, anche quando ad essa non sono obbligati. Bagagli di memorie letterarie che attraversano i confini e le barriere, che accompagnano e nutrono gli attori dei ‘dislocamenti spaziali e culturali’ divenuti la cifra distintiva di questo tempo globalizzato. Un libro in migrazione rincuora, rafforza, prolunga il legame ombelicale con quello spazio intimo che si continua a chiamare casa, lega persone e momenti precisi della vita, compatta il proprio personale universo. Quanti libri trovano spazio nelle nostre valige, quanto dei libri permane e quanto valore perdono o acquisiscono le letture in chi vive attraversando i mondi sono i temi appassionanti di questa straordinaria raccolta di racconti.
Melita Richter Nata a Zagabria, vive a Trieste. Sociologa, saggista, docente presso l’Università di Trieste. Curatrice del libro L’Altra Serbia, gli intellettuali e la guerra, Selene Edizioni, 1996. Assieme a Maria Bacchi, ha curato il libro Le guerre cominciano a primavera - soggetti e identità nel conflitto jugoslavo, Rubbettino, 2003. Curatrice del libro Percorsi interculturali Esperienze di mediazione culturale a Trieste, Interethnos, Trieste, 2006. Assieme a Silvia Caporale Bizzini cura il libro Teaching Subjectivity. Travelling Selves for Feminist Pedagogy, book series ATHENA, Stockholm University, 2009, e la sua edizione italiana, Soggetti itineranti Donne alla ricerca di sé, Albo Versorio, Milano, 2013. Collabora a riviste nazionali e internazionali sui temi dell’interculturalità, integrazione europea e questioni balcaniche. Ha promosso le antologie dei testi di autori migranti a Trieste diventata collana editoriale del CACIT. È socia della SIL -Società italiana delle letterate. Scrive poesia e fa parte della Compagnia delle poete, Roma

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_crisma-copertina.jpg

LUNEDì 09 MAGGIO
ore 19,30
presentazione straordinaria della rivista
CRISMA
vol.2016 - Fumetti da asporto -
Saranno presenti: Alessio Spataro, Chiara Lanzieri, Gemma Vinciarelli ed Emma Verdet.

CRISMA è una rivista annuale di fumetti.
Autoprodotta e idata a Roma dallo studio creativo Lab. Aquattro e il centro sociale La Torre.
Il suo formato A4 è come una piccola risma, fatta con tutti i crismi.

A questo volume hanno collaborato: Margherita Barrera, Manfredi Ciminale, Marco Corona, Simone D'Armini, Martoz, Chiara Lanzieri, Rita Petruccioli, Dr. Pira, Laura Scarpa, Alessio Spataro, Emma Verdet e Gemma Vinciarelli

LAB.AQUATTRO è un collettivo di artisti nato nel 2013 che si occupa di illustrazione, grafica, fumetto, street art e autoproduzione.Lab.Aquattro è anche un associazione culturale, coon spazi dedicati al lavoro comune, mostre ed eventi. Fanno parte del collettivo e hanno collaborato acon un loro fumetto a Crisma 2016: Emma Verdet, Martoz, Gemma Vinciarelli, Chiara Lanzieri e Alessio Spataro

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_FANGOWEB1.jpg

MARTEDì 03 MAGGIO
ore 19,00
LUCA PALUMBO
 presenta
FANGO -
Distopia in pochi atti (Lorusso Editore)

Con l'autore interviene l'editore Luigi Lorusso
Letture di Cecilia De Angelis.

Est di Roma, duemila e qualcosa. Piove da giorni, ma nessuno più si occupa di ripulire le strade, il fango sale. Squadre della polizia e di uomini col passamontagna sgomberano centri sociali, compiono retate, eliminano gli indesiderati della città, stranieri, barboni, tossici, compagni, disoccupati e movimenti di lotta. Sono al servizio di un Sindaco senza volto e del suo progetto distopico: il potere collettivo di Roma città stato. Nello scenario apocalittico quanto quotidiano dei quartieri della periferia romana, si cercano vecchie vendette provando a sopravvivere e, se possibile, a resistere. Quanta di questa distopia è sotto i nostri occhi?

Luca Palumbo è nato a Napoli nel 1976. Redattore di Laspro – rivista di Letteratura, Arti & Mestieri, ha pubblicato la raccolta di racconti Il pianista nano (0111 edizioni, 2009) e il romanzo Un maledetto freddo cane (Lorusso, 2012). Vive e lavora a Roma.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_mariem.jpg

MARTEDì 12 APRILE
ore 19.30
Presentazione di 
MARIEM HASSAN: IO SONO SAHARAUI (Barta Edizoni)

di e con di Gianluca Diana e Andromalis

«Voz del Sahara»: questo è l’iconografico soprannome con cui Mariem Hassan è internazionalmente nota. Io sono saharaui ne è la biografia illustrata: un’appassionante storia al femminile che racconta di musica e resistenza civile.
In queste pagine la vita della cantante scorre parallela alle sue canzoni e alla storia del popolo del deserto. Le atmosfere auliche e spensierate dell’infanzia nomade, la giovinezza vissuta e stretta tra l’occupazione marocchina del Sahara Occidentale e poi l’esilio, i campi profughi in Algeria e la Spagna, gli amori, la famiglia, i figli, i primi dischi a suo nome e la fama internazionale. E sempre, sempre, come stella polare la lotta per l’indipendenza del popolo saharaui.
Io sono saharaui è parlato, illustrato, coloratissimo: una festa per gli occhi di tutti, che vive del calore, della luce, dei colori e del suono di Mariem. Dai campi profughi di Smara in Algeria ai festival di musica al di là degli Oceani o al di qua del Mediterraneo, dalla Rambla di Barcellona alla linea d’orizzonte del Sahara, è un romanzo grafico in cui è saggio perdersi. Tra i ritmi di un tebal e gli assoli di una chitarra elettrica, ci troverà la musica.

Gianluca Diana Racconta storie a Roma, città in cui vive e lavora, in diverse forme e maniere. In radio (Onda rossa, Città aperta, Popolare, RaiRadio 3, Città futura) o scrivendo su «Il manifesto» e «Alias». II cuore delle sue narrazioni è l’amore verso i suoni e le culture afro-americane, tanto che dal 2005 dirige una delle principali rassegne blues d’Italia, il Mojo Station Blues Festival. Adora mescolare dischi dal vivo.

Andromalis
 Agitatore delegato delle Metaforiche Officine Politecniche, produce cartoni animati, fumetti, illustrazioni, manifesti e la rivista di strada «Dottor Gibbò». Ha pubblicato per «A», «XL», «SottoMondo», «AgitPop», Calamar e illustrato per Wwf, Unhcr, Rai3, Gallucci editore. Con il collettivo OP3N ZOO osa esporre arte.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_matisse.jpeg

SABATO 14 MAGGIO 
ore 11.00
Lo Scaffale va in città - IL GIARDINO DI MATISSE
Laboratorio gratuito con prenotazione

Il laboratorio è per bambini dai 5 anni

Evento speciale in occasione della mostra 
IL GIARDINO DI MATISSE 
al Palazzo Delle Esposizioni di Roma dal 5 Marzo al 22 Maggio

Lo Scaffale D'arte
del Palazzo Delle Esposizioni va in città e arriva in libreria con il laboratorio sul collage ispirato all'ultima produzione di Matisse.

Il laboratorio prende spunto dal libro IL GIARDINO DI MATISSE, progetto originale del MoMA (Museum of Modern Art di New York)
che arriva in Italia grazie all'incontro con Fatatrac - Edizioni del Borgo

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_guerradimartina.jpg

MERCOLEDì 13 APRILE
ore 20.00
PAOLA SORIGA presenta
LA GUERRA DI MARTINA
(Laterza Edizoni)

Con l'autrice intervengono l'illustratore del libro Lorenzo Terranera e Sara Marini, dell'associazione Scosse.

«La luna era uno spicchio sottile e illuminava poco, io pensavo ai nostri genitori che ci credevano a letto, ai lupi, ai nazisti, ai fantasmi. Per smettere di avere paura mi misi a cantare a voce bassa. “Più bassa”, mi disse Simone, “o ci sentirà qualcuno”. A un certo punto vidi un’ombra muoversi fra gli alberi. Ci bloccammo e il cane Paco drizzò le orecchie...»
È una bella domenica di aprile e nonna Tina sta raccontando l’avventura partigiana che ha vissuto da bambina ai nipotini Tommaso e Martina, che ascoltano col fiato sospeso.
Le esplorazioni dei colli intorno Pavia, il fratello Giovanni e gli altri partigiani, la pericolosa banda dei fascisti, la casa infestata dai fantasmi immersa nella campagna. E una missione da portare a termine con l’amico Simone e il fedelissimo cane Paco: ritrovare una preziosa cassa lanciata in volo dagli aerei americani ai partigiani che sembra essere scomparsa nel nulla.

Paola Soriga è nata a Uta, in provincia di Cagliari, nel 1979. Ha studiato letteratura a Pavia, Barcellona e Roma, dove adesso vive e lavora. Dopo l'esordio di Dove finisce Roma (Einaudi Stile Libero 2012), tradotto in diverse lingue, ha partecipato all'antologia benefica Sei per la Sardegna (Einaudi 2014, con Francesco Abate, Alessandro De Roma, Marcello Fois, Salvatore Mannuzzu e Michela Murgia). Il suo ultimo romanzo è La stagione che verrà (Einaudi Stile Libero 2015).

Lorenzo Terranera È illustratore e scenografo, per dodici anni ha realizzato gli sfondi in studio per il programma «Ballarò» (Rai3) e da quest’anno cura le animazioni per «Di martedì» (La7). È co-fondatore della scuola di illustrazione Officina B5. I suoi lavori sono stati esposti presso il Maxxi, Museo nazionale delle Arti del XXI secolo e il Macro, Museo di Arte contemporanea (Roma). Ad oggi ha illustrato oltre settanta libri per numerose case editrici italiane, enti pubblici e istituzioni internazionali come Unicef, Amnesty international, Agesci.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_Cop_Morelli.jpg

MERCOLEDì 04 MAGGIO
ore 19,30
PAOLO MORELLI
presenta
Né IN CIELO Né IN TERRA
(Exorma)

Interviene lo scrittore e regista Giuseppe Sansonna

Né in cielo né in terra è un libro fuori dal coro, si svincola dal genere inflazionato dello storytelling; Paolo Morelli, l’autore, armeggia sapientemente con la parola che si impone per la qualità di una scrittura non omologata, andando molto al di là della storia che racconta. La macrostoria, lo scheletro attorno al quale Morelli costruisce il suo romanzo è quello del memorabile Fantasmi a Roma, il film del 1961 di Antonio Pietrangeli con Gassman, Mastroianni e De Filippo. Il libro dunque si spaccia per un remake della pellicola, ne è invece un innesto. Il protagonista sogna di incontrare i suoi amici di gioventù passati a miglior vita i quali, come nel film, cercano di resistere alla speculazione edilizia che vuole cacciarli dal palazzo diroccato dello storico quartiere di Trastevere a Roma dove si sono rifugiati. Per resistere, il gruppo decide di scrivere un libro raccontando le storie delle proprie vite, destinato a loro parere ad avere un grande successo; il protagonista nel sogno si ritrova a dar loro una mano nella stesura. I racconti, le avventure comiche in realtà sono tutti centrati sul fatto che già da vivi erano stati cacciati dalle case del rione abitati da generazioni dalle loro famiglie e sulle conseguenze di quello sradicamento, di quella diaspora. Sono fantasmi indolenti, impertinenti, si arrabattano nella nuova condizione come facevano in vita. Le loro vicende esilaranti, come dei quadri teatrali, vanno ad animare un luogo pieno ma in realtà già vuoto dando forma a un viaggio nel mistero dell’unicità di Roma, in ciò che la fa sembrare immobile, indistruttibile e la definisce come eterna. Questo è un romanzo su Roma vista da dentro, o da sotto forse, o da un qualsiasi punto di vista insolito.

Paolo Morelli (1951) è nato e vive a Roma. Scrittore, sceneggiatore, autore teatrale e radiofonico, attore, critico cinematografico e redattore per riviste letterarie. Dal 2002 al 2012 ha curato una rubrica di calcio per il quotidiano Il Manifesto dal titolo Profondo Viola. Ha pubblicato: L’arte del fallimento (2014) Sossella; Racconto del fiume Sangro (2013) Quodlibet; Caccia al Cristo (2010) Derive Approdi; Classifica di notti gagliarde (2006) Jouvence; Er ciuanghezzù (2004) e Vademecum per perdersi in montagna (2003) Nottetempo.

MERCOLEDì 30 MARZO
ore 19,30

GIULIO D'ANTONA presenta 
NON E' UN MESTIERE PER SCRITTORI
 
Vivere e fare libri in America (Minimum Fax)

Con l'autore intervengono Francesco PacificoNadia Terranova

Da Teju Cole a Jennifer Egan, da Lorin Stein aJonathan Lethem, dall’università dove insegnava Wallace al bar dove scrive Nathan Englander, Giulio D’Antona ci porta sulle strade d’America con lunghi tour a piedi, trasvolate dall’East alla West Coast, i mitici pullman Greyhound, per accompagnarci negli attici di Manhattan e nelle tavole calde del Midwest, compiendo con noi quel pellegrinaggio che ogni fedele di questa Mecca pop della letteratura dovrebbe fare almeno una volta nella vita.

Giulio D’Antona (1984) è un giornalista culturale. Editor a Linkiesta, collabora con IL, scrive storie perTopolino e ha un blog sull’Espresso in cui si occupa di editoria americana. Vive tra Milano, New York e il lago Maggiore.
Il suo sito è giuliodantona.com

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_STREGATOFU.jpg

LUNEDì 06 GIUGNO
ore 21,00
STREGATO FU IL LIBRO E CHI LO SCRISSE
Quattro autori si raccontano
 
con LUCIANO FUNETTA, GIORDANO MEACCI, DEMETRIO PAOLIN, ELENA STANCANELLI

A cura degli allievi della Scuola del libro

La libreria ospita la Scuola del libro e quattro scrittori candidati al Premio Strega.

Quattro tra i finalisti di questa edizione del premio si confrontano con gli allievi del master Il lavoro editoriale della Scuola del libro.
Un confronto sia letterario che editoriale attraverso il dialogo con gli autori, che faccia luce sull’esperienza della scrittura e del percorso fino alla pubblicazione.

Luciano Funetta
, Dalle rovine (Tunué)
Romanzo d’esordio di Luciano Funetta. La storia di Rivera, collezionista di serpenti, e del suo viaggio onirico nel mondo del porno d’autore. Una caduta verso un abisso popolato da vittime invisibili e carnefici impuniti, che si rivela un punto di non ritorno. 

Giordano Meacci, Il cinghiale che uccise Liberty Valance (Minimum fax)
Corsignano, tra Toscana e Umbria, è la cornice immaginaria della vicenda del cinghiale Apperbohr, che improvvisamente scopre di saper elaborare pensieri degni di un essere umano. Il cinghiale che uccise Liberty Valance è un’avventura linguistica nella quale Meacci pensa Corsignano come un piccolo cosmo, con le sue regole, del quale il cinghiale carpisce solitudine e segreti, con la sensibilità umana della bestia.

Demetrio Paolin, Conforme alla gloria (Voland)
Ambientato ad Amburgo nel 1985, è l’intreccio di tre vicende: Rudolf, figlio di una ex SS dal quale eredita una testimonianza delle atrocità commesse; Enea, sopravvissuto al campo di concentramento di Mauthausen e Ana, affetta da disturbi alimentari, ossessionata dalla pelle e dal suo corpo. Una storia di colpa e redenzione, di male ordinario e straordinario.

Elena Stancanelli, La femmina nuda (La nave di Teseo)
Una confessione spudorata che racconta il lato oscuro di ogni donna e il vortice emotivo generato da un tradimento. Il romanzo è un urlo il cui riverbero coinvolge le età del sesso e dell’insofferenza, ma anche l’attualissimo rapporto tra carne e tecnologia.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_nuovoscenario.jpg

MARTEDì 17 MAGGIO
ore 19,00
MARIA CRISTINA MAUCERI E MARTA NICOLAI 
Presentano
NUOVO SCENARIO ITALIANO. Stranieri e italiani nel teatro contemporaneo(Ed. Ensemble)

Intervengono Flavia Cartoni e Gianguido Palumbo.

Nuovo Scenario Italiano. Stranieri e italiani nel teatro contemporaneo analizza la figura dello straniero nei testi teatrali di drammaturghi nativi e migranti dal 1988 al 2010. Lo scopo del libro è evidenziare le immagini degli stranieri e degli italiani, sottolineandone le differenze e similitudini culturali messe in scena. Nel teatro più che nella narrativa, la presenza di stranieri in Italia ha dato vita a una poetica dell’incontro tra identità culturalmente diverse, con metodi innovativi ed effetti imprevedibili.  Nuovo Scenario Italiano è il primo studio che mostra come alcuni drammaturghi abbiano messo in scena il tema dell’incontro con lo straniero anche aprendosi a una dimensione transculturale — una ricerca importante su un teatro che, rimanendo a volte confinato nei luoghi in cui le opere sono messe in scena, non è ancora stato esaminato.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_maitece.jpg

MARTEDì 24 MAGGIO
ore 18,30
INCONTRO CON L'ILLUSTRATRICE BASCA
MAITE GURRUTXAGA

Presentazione di HABIAK (Nidi) e HALDERIK ALDE

Interviene l'illustratrice e incisore CECILIA CAMPIRONI

in collaborazione con l'Associazione Culturale Euskara


Habiak (Nidi)
 Simón è un pensionato a cui hanno espropriato la casa per costruire il treno ad alta velocità. Conosce Selma, una giovane infermiera bosniaca che sta cercando di lasciarsi alle spalle la guerra dei balcani. L’iniziale ositilità di Simón e l’incomprensione di Selma spariranno poco a poco lasciando spazio a una tenera amicizia che porterà entrambi a ritrovare le proprie origini. Questa è una storia di uccelli esiliati, un libro su chi ha bisogno di ritrovare le sue radici per poter volare.

Alderik alde
non è un libro, anche se in fondo lo è. E’ a forma di libro, o forse no, ma è un quaderno. Un quaderno di schizzi. Può essere un autoritratto, un quaderno di esperimenti, un diario, un luogo dove l’autrice scopre conversazioni tra disegni, strade da percorrere e mete da raggiungere. Maite ha scoperto i quaderni da disegno da molto tempo, e ne ha riempiti parecchi. Questo libro è una raccolta di alcuni di quelli che ha rimepito tra il 2011 e il 2012. Alderik Alde è stato pubblicato dalla casa editrice Edo! nel 2012.

MAITE GURRUTXAGA

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_FullSizeRender.jpg

SABATO 16 APRILE
dalle ore 10.30 alle 17.00

VENDITA DI LIBRI USATI
A SOSTEGNO DELLA SCUOLA HANDS OF LOVE EDUCATIONAL CENTRE di Nairobi, Kenya 

Il ricavato andrà a favore della scuola Hands of Love Educational Centre nel distretto di Kariobangi a Nairobi, che è sostenuta in Italia da Direttamente Onlus.

La scuola, tenuta da 6 insegnanti, accoglie circa 100 bambini tra i 3 e i 9 anni, orfani o figli di genitori in gravi difficoltà economiche, mamme single, spesso nati con l'AIDS, e offre istruzione gratuita e due pasti al giorno. Basta solo 1 euro per mantenere un bambino per un giorno.

Hands of Love è riconosciuta dal Ministry of Labour, Social Security and Services del Kenya ed è registrata con il n. KAS/CBO/5/4/2016/492.
Direttamente Onlus è registrata al n. 38518 dell’Anagrafe delle Onlus tenuta dalla DR Lazio. www.direttamente.org - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Passate a trovarci!

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_locandina_casa_giufa_LR_1000w.jpg

VENERDì 22 APRILE
ore 20.00
INCONTRO CON PACO ROCA

In collaborazione con Tunuè e Comicon Off
In occasione dell'uscita del suo ultimo Graphic Novel

PACO ROCA presenta

LA CASA (Tunuè)

Interviene lo scrittore
 e giornalista Francesco Pacifico

La Casa I tre fratelli protagonisti di questa storia tornano un anno dopo la morte del padre nella casa di famiglia dove sono cresciuti. La loro intenzione è quella di venderla, ma ogni tentativo si scontra con i loro ricordi. Hanno paura di vedere sgretolato il proprio passato, compresa la memoria del padre e i ricordi dei giorni vissuti insieme. Si percepisce, in questa nuova opera di Paco Roca, un'eco autobiografico, che nasce da una necessità di raccontare un episodio che ha toccato da vicino l'autore spagnolo, così come era successo in Rughe. E come in quel caso, da uno spunto personale scaturisce un'opera dal carattere universale che ci parla in modo profondo del rapporto fra genitori e figli.

Paco Roca (Valencia, 1969) è diventato uno degli autori di riferimento con Rughe (nuvao ed. 2013 collana Le Ali), largamente considerato un capolavoro del fumetto contemporaneo e vincitore di numerosi premi internazionali. Artista eclettico, si è dimostrato capace di disegnare e raccontare diversi tipi di storie - drammatiche, comiche, d'avventura - con la stessa intensità emotiva e passione. Nel 2013 è stato insignito del Romics D'Oro, un prestigioso premio alla carriera riservato ai grandi maestri del fumetto. Oltre a Rughe, ha pubblicato in Italia con Tunué: Il faro (2006, nuvoa ed. 2012), L'inverno del disegnatore (2011), Emotional World Tour (2012), Memorie di un uomo in pigiama (2012), Il gioco lugubre (2013), I solchi del destino (2014), Avventure di un uomo in pigiama (2015)

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2016_SUR42_Hasbun_Andarsene_cover-1.png

MERCOLEDì 18 MAGGIO
ore 19,30
INCONTRO CON RODRIGO HASBUN
 
Lo scrittore boliviano incontra i lettori italiani
e presenta il suo romanzo
ANDARSENE (SUR Edizioni)

Con l'autore interviene lo scrittore Fabio Stassi

Andarsene è un denso, intrigante romanzo che unisce mirabilmente realtà storica e finzione letteraria. Un efficace montaggio di episodi e voci permette di seguire le vicende della famiglia Ertl dagli anni Cinquanta agli anni Settanta. Hans Ertl, cineasta tedesco che sotto la direzione di Leni Riefenstahl aveva glorificato l’estetica nazista, finita la guerra si rifugia in Bolivia con la famiglia, inseguendo il sogno di una spedizione archeologica. La moglie e le tre figlie non usciranno indenni dalle incolmabili assenze di quel padre, eppure Monika, la più grande e audace delle tre, finirà per ereditare il carattere anticonformista di Hans e lanciarsi verso un obiettivo molto più temerario, abbracciando la rivoluzione e finendo col passare alla storia come «la vendicatrice di Che Guevara». Tra i poli opposti di queste due figure vigorose corrono i rapporti con gli altri personaggi, grandi fallimenti e piccole tenerezze familiari, in un romanzo che ha il passo e la forza delle storie memorabili.

Rodrigo Hasbún (Cochabamba, 1981) nel 2007 è stato selezionato dall’Hay Festival come uno dei migliori scrittori latinoamericani sotto i 39 anni, e nel 2010 la rivistaGranta l’ha scelto come uno dei 22 migliori giovani scrittori in spagnolo.
È autore del romanzo El lugar del cuerpo e di due raccolte di racconti. Andarsene è il suo primo titolo pubblicato in Italia.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_6371767_1075271-1.jpg

GIOVEDì 10 MARZO
ore 20,00

PAOLO COGNETTI presenta l'antologia
NEW YORK STORIES
(Einaudi)
insieme a MARCO CASSINI

NEW YORK STORIES A chi la attraversa con occhi attenti, New York racconta la storia di un secolo preciso, il Novecento: in quali idee credeva, di quali mali soffriva, che sogno di felicità inseguiva. Camminare tra il Lower East Side e il Greenwich Village, o pedalare su per Broadway fino a Times Square, o costeggiare l'isola in traghetto da Harlem alla Battery, è come assistere a un'epopea che nasce nell'età del transatlantico e delle grandi migrazioni, supera gli anni ruggenti, gli anni ribelli, gli anni dell'opulenza, e finisce una mattina di inizio millennio, il giorno del 2001 in cui qualcuno ha immaginato di poter distruggere New York. Ma una città non è fatta solo di luoghi: sono le persone con i loro sentimenti, le loro relazioni e desideri, a darle la sua anima. E New York - lo dice Fitzgerald nel racconto che apre questa raccolta - non è la città di chi ci è nato, ma quella di chi l'ha desiderata, e ha dovuto combattere per farne parte...

Paolo Cognetti (Milano, 1978) ha realizzato per minimum fax la serie Scrivere / New York, nove puntate su altrettanti scrittori newyorkesi, da cui è tratto il documentario Il lato sbagliato del ponte, viaggio tra gli scrittori di Brooklyn. La sua passione per New York si è concretizzata in due guide: New York è una finestra senza tende(Laterza 2010) e Tutte le mie preghiere guardano verso ovest (edt 2014).
Il suo blog è paolocognetti.blogspot.it.

Marco Cassini (1970) ha fondato minimum fax nel 1994 e SUR nel 2011. È autore di una monografia su Raymond Carver (Carver, Gribaudo Paravia 1997) e ha curato Beats & bites (minimum fax 1996). Insieme a Martina Testa ha curato l’antologia di narrativa Burned Children of America (minimum fax 2001, Penguin UK 2003, poi tradotta in una decina di lingue), e per Isbn Edizioni Futuro dizionario d’America (2006). Nel 2008 Laterza ha pubblicato il suo RefusiDiario di un editore incorreggibile. Dal 2013 con Gianmario Pilo organizza il festival della lettura di Ivrea La grande invasione.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_locgiulia.png

VENERDì 19 FEBBRAIO
ore 19,30

GIULIA SAGRAMOLA presenta
INCENDI ESTIVI
(Bao Publishing)
di Giulia Sagramola

Moderano l'incontro
Rita Petruccioli e Susanna Scrivo

Due sorelle, un paesino del centro Italia, un'estate punteggiata da misteriosi incendi sulle colline e l'inquietudine di cosa sarà di loro. Le scelte, quelle non fatte, turbamenti e desideri taciuti. Giulia Sagramola, per il suo primo romanzo grafico lungo, sceglie un tono narrativo che costruisce lentamente, ma in modo assolutamente privo di incertezze, una storia potente nella sua sommessità. Illuminata da una sapiente doppia bicromia, la trama di Incendi estivi si propaga come un fuoco di sterpaglie, d'estate, quando nessuno guarda. Ma tutti lo vedranno.

Giulia Sagramola è un’illustratrice e autrice di fumetti nata a Fabriano nel 1985. Lavora per clienti italiani e stranieri come New Yorker, New York Times, Vice, Feltrinelli, Topipittori, Giunti. Insieme a Sarah Mazzetti e Cristina Spanò ha fondato e cura Teiera, che negli anni è diventata una tra le più interessanti etichette di autoproduzioni italiane. Il suo lavoro è stato premiato da Bologna Children Bookfair, American Illustration, 3x3 Picture Book Show e Society Illustrators Comic and Cartoon Annual. Dal 2015 vive ad Angoulême (Francia) dove ha una residenza d’artista alla Maison des Auteurs per lavorare ai suoi libri a fumetti e dove questo libro è stato realizzato. Nel tempo libero mangia gelati e spia i cani che vede per strada.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_cattedrale.jpg

GIOVEDì 18 FEBBRAIO
ore 19,00

ORA TI RACCONTO
Un anno di racconti con Cattedrale

Reading di racconti di e con
Luca Ricci, Caterina Bonvincini e Vins Gallico

Coordina Rossella Milone e Armando Festa

a cura di CATTEDRALE Osservatorio sul racconto


Cattedrale
è un progetto dedicato interamente al racconto. Nasce come OSSERVATORIO che intende monitorare, promuovere e sostenere il racconto nella sua forma letteraria.Il portale cattedrale.eu è lo strumento che fa da crocevia e vetrina al progetto. 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_tedold.jpg

LUNEDì 15 FEBBRAIO
ore 19,00

GIORDANO TEDOLDI presenta
IO ODIO JOHN UPDIKE 
 (Minimum Fax)
di Giordano Tedoldi

Con l'autore intervengono
Nicola Lagioia e Francesco Pacifico

Uscito per la prima volta nel 2006, Io odio John Updike è stato l’esordio di Giordano Tedoldi. Libro di culto, oscuro, inquietante, popolato di personaggi misteriosi, immerso in atmosfere noir, allucinate e quasi fantascientifiche, ha rivelato un autore unico: per qualcuno l’Italia letteraria aveva trovato il suo Francis Bacon, o il suo David Lynch. In una Roma illuminata solo da luci artificiali, due sconosciuti si sfidano ogni notte a bordo di una Ferrari e una Aston Martin. Uno scapolo anaffettivo innamorato della madre morente affida la gestione delle sue giornate a un computer di nome George. Un uomo insegue una meravigliosa mulatta incontrata a un corso di scrittura e una donna insegue un devastatore in camicia di lino con la speranza di farsi devastare a propria volta. Ecco alcuni dei personaggi che popolano le storie di questo libro. Questa nuova edizione è arricchita da un racconto inedito in cui la scrittura di Tedoldi – sempre sospesa tra durezza estrema e magnifiche rivelazioni – riluce più che mai

Giordano Tedoldi è nato a Roma nel 1971. Nel 2013 ha pubblicato per Fazi il romanzo I segnalati

La buona lettura non invecchia di Nicola Lagioia (Minima&Moralia)

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_happydiaz.jpg

GIOVEDì 28 GENNAIO
ore 19,00

ADRIANO ERCOLANI & TUONO PETTINATO
Presentano e disegnano
HAPPY DIAZ (Edizioni Arcana)
La formazione musicale di una generazione che è stata ammazzata di botte
di Massimo Palma
con 13 ritratti di Tuono Pettinato

Dalla musica di Manchester ai fatti di Genova 2001

Sarà presente l'autore
A seguire firme e disegnini!

La generazione di ragazzi andati a Genova per contestare il G8 nel 2001 era una generazione particolare. Ha perso, ammazzata di botte nelle strade genovesi e nel chiuso di carceri e mattatoi improvvisati, ma su molte cose aveva visto giusto. Genova durò sette giorni di assemblee e dibattiti, ma tutti ne ricordano solo due, tragici, convulsi. questo libro vuole raccontare tutta quella settimana. Non con la cronaca dei fatti ma attraverso le canzoni di Manchester che parlano dei giorni della settimana e così facendo cantano sogni, incubi e ossessioni di una generazione e del suo quotidiano. Attraverso testi e memorie, Happy Diaz narra di come si arrivò a Genova, con quale stato d’animo si scrisse l’agenda di quegli incontri, con quali note, per vent’anni, ci si preparò ai manganelli, giorno dopo giorno.

Massimo Palma. Romano, è ricercatore a Napoli di filosofia politica e morale. Ha pubblicato studi su Walter Benjamin, Eric Weil e Alexandre Kojève. Responsabile per Donzelli della nuova edizione italiana di Economia e società di Max Weber (2003-2016), ha tradotto e curato gli Scritti politici di Benjamin (Roma 2011) e gli scritti hegeliani di Georges Bataille (Piccole ricapitolazioni comiche, Torino 2015). È autore di Berlino Zoo Station (Cooper 2012), una guida alternativa, filosofico-musicale, alla città di Berlino.

Tuono Pettinato Inizia a pubblicare fumetti autoprodotti durante la frequentazione del DAMS nel corso della prima metà degli anni duemila. Dal 2005 collabora con la casa editrice Campanila, illustrando vari libri per l'infanzia. Ha realizzato le biografie a fumetti di Galileo Galilei, Giuseppe Garibaldi e del matematico inglese Alan Turing. Insieme ai fumettisti Ratigher, LRNZ, Dr. Pira e Maicol & Mirco ha creato il collettivo Super Amici, con cui ha pubblicato le riviste Hobby Comics e Pic Nic. Il gruppo cambia nome nel 2013, diventando Fratelli del cielo, e l'anno successivo LRNZ si allontana per dedicarsi ai propri lavori. Dal 2013 collabora con il sito Fumettologica, per cui cura la rubrica Tippy Tuesday. Nel 2014 è stato premiato come "Miglior Autore Unico " a Lucca Comics & Games. Ha inoltre collaborato con le riviste XL, Animals e Linus.