Via Degli Aurunci n.38 Roma
Lunedì-Giovedì 10,00-24:00
Venerdì-Sabato 10:00-01:00
Domenica 15:00-23:00
c_180_250_16777215_00_images_LocandinaMir.jpg

DOMENICA 20 DICEMBRE
ore 21,30

Incontro con
MIRJANA FARKAS

In occasione dell'uscita di FAMIGLIE  (in anteprima)
l'autrice di ECCOTi QUA! sarà nostra ospite

Orecchio Acerbo / Else Edizioni

Dopo Radici e Animali altre storie di donne e di uomini alla ricerca della propria identità. Storie di legami, di forti affetti e di dolore, di segreti e bugie, di vicinanza e amicizia. Storie di famiglie che sopravvivono e resistono. Italia, Perù, Afghanistan, Marocco, Mali, Etiopia, Iran, Somalia, Albania, Ucraina, Moldavia, Niger sono alcuni dei paesi da cui provengono queste storie. Nonostante il gioco del caso e del destino, nonostante dittature, guerre civili, rivoluzioni, crisi economiche e identitarie, davanti ai cambiamenti della società civile e della democrazia, queste storie ci raccontano ancora una famiglia come luogo di resistenza, di forti affetti, di vicinanza. Una raccolta di narrazioni che restituiscono in modo commosso, intimo, ritratti e relazioni familiari in cui la Storia con la S maiuscola irrompe con violenza, e a cui si cerca di rispondere e resistere come individui, come famiglia. Diciannove voci diverse rilette da Mirjana Farkas con la grazia di uno sguardo partecipe.

Di sé dice: “Sono una Svizzera-balkanica-catalana, alta però simpatica”. Mirjana Farkas, giovane illustratrice che vorrebbe avere qualche superpotere e vivere di sola illustrazione, è colorata come i suoi disegni, allegra come i suoi ritratti. Troppo costretta all’interno degli archivi che i suoi studi di storia le avevano aperto, un giorno ha deciso di cambiare vita. Nata nel 1979 a Ginevra, venticinquenne decide di spostarsi a Barcellona dove studia illustrazione all’Escola Massana con maestri importanti come Arnal Ballester e Pep Montserrat. Nel 2010 torna a Ginevra dove comincia a collaborare con diverse testate. È molto attiva sulla rete e autoproduce bellissimi libri. La serigrafia, come sintesi del disegno, e il collage, come gioco intellettuale e grafico, sono solo due delle tecniche che Mirjana ama sperimentare. Mai uguale a se stessa, ama cambiare stile, tecnica, saltellando da un blog all’altro, da una pagina patinata di una rivista a una fanzine, da un’animazione a un flyer per un corso di yoga. Nel 2012 ha pubblicato il suo primo libro con una delle più interessanti case editrici di oltralpe, L’Atelier du Poisson Soluble: “La Java Martienne” su testo di Boris Vian. Nel catalogo di orecchio acerbo "Eccoti qua!" (2014)

Miriana Farkas

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_tinona4.png

LUNEDì 14 DICEMBRE
ore 19,00

Vieni a conoscere TINA!

LA rivisTINA celebra il suo 30° numero
con una nuova uscita cartacea!

'tina è una rivista di narrativa italiana curata dallo scrittore Matteo B. Bianchi e totalmente autoprodotta, giunta oggi alla 30° uscita. Dopo essere stata per anni solo una rivista on line da poco è tornata al cartaceo. L'ultimo numero, in edizione limitata e numerata in sole 200 copie.
Un'occasione unica per mettere le mani su questo numero da collezione. 

c_180_250_16777215_00_images_download.jpeg

FIERA OFF - 7° edizione

MARTEDì 8 DICEMBRE
ore 21,30

INCONTRO CON MANUELE FIOR
in occasione del suo ultimo fumetto 
LE VARIAZIONI D'ORSAY (Coconino Press-Fandango)

Introduce Christian Raimo

Il libro Ingres, Rousseau, Degas, le polemiche suscitate dagli Impressionisti… dietro ogni capolavoro d’arte c’è una storia. Il nuovo fumetto di Manuele Fior, autore pluripremiato a livello internazionale per i graphic novel “Cinquemila chilometri al secondo” e “L’intervista”, ci guida tra le sale del celebre museo parigino d’Orsay in un viaggio onirico tra passato e presente. Un affresco corale e ricco di aneddoti, a volte lieve e brillante e a volte drammatico, in cui varie voci si passano il testimone. Artisti, visitatori, custodi e creauture immaginarie entrano ed escono dalle sale, in storie incasellate l’una nell’altra, in una struttura che ricorda Le mille e una notte restituendo un quadro caleidoscopico di questo tempio delle immagini. Tanti frammenti, un unico racconto. Per celebrare il mistero dell’arte, ossessione e grande illusione, e il fascino inafferrabile dell’atto creativo.

Manuele Fior è nato a Cesena nel 1975 e vive a Parigi. Dopo la laurea in Architettura a Venezia nel 2000, si trasferisce a Berlino, dove lavora fino al 2005 come fumettista, illustratore e architetto. Nel 1994 vince il primo premio alla “Bienal do Juvenes Criadores do mediteraneo” di Lisbona – settore fumetto. La collaborazione con l’editore tedesco Avant-Verlag comincia nel 2001 con la rivista “Plaque”. Da allora inaugura una fitta produzione di storie corte a fumetti scritte dal fratello Daniele, apparse su “Black”, “Bile Noire”, “Stripburger”, “Forresten”, “Osmosa”. Collabora con le sue illustrazioni per “The New Yorker”, “Le Monde”, “Vanity Fair”, Feltrinelli, Einaudi, “Sole 24 Ore”, Edizioni EL, Fabbri, “Internazionale”, Il Manifesto, “Rolling Stone Magazine”, Les Inrocks, Nathan, Bayard, Far East Festival. 

c_180_250_16777215_00_images_I-pesci-COVER.jpg

FIERA OFF - 7° edizione

DOMENICA 6 DICEMBRE
ore 21,00

MICHELE PETRUCCI 
presenta

I PESCI NON HANNO SENTIMENTI (Coconino Press- Fandango)

introduce Carolina Cutolo

Il libro Rino vorrebbe un’altra vita. Ha pochi amici, un lavoro monotono, un difficile rapporto con il padre. Il ritorno alla natura sembra essere la via di fuga: suggestionato dal Thoreau di Walden, si unisce a una comunità che vive nei boschi rifiutando tecnologia e consumismo. Neo-primitivi contro una civiltà malata. Un nuovo Eden? Non proprio: anche qui c’è un lato oscuro. E Rino capirà a sue spese quanto sia dolorosa la ricerca di un equilibrio interiore.

Un graphic novel intenso e amaro, specchio di una generazione confusa e inquieta, opera di una delle voci più originali e mature del fumetto italiano.

Michele Petrucci
è nato nel 1973. Vive e lavora a Fano. Come autore ha pubblicato Keires e Sali d’argento, tradotti anche in Francia e negli Usa, Numeri, Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda e A caccia di rane. Ha realizzato Il vangelo del coyote e la trilogia FactorY in collaborazione con lo scrittore Gianluca Morozzi. Ha vinto un Premio Micheluzzi al Napoli Comicon e collabora con Il Manifesto e Il Corriere della sera.

c_180_250_16777215_00_images_pnori.jpeg

FIERA OFF - 7° edizione

LUNEDì 7 DICEMBRE
ore 21,00

INCONTRO CON PAOLO NORI
L'autore presenterà il suo ultimo libro
MANUALE PRATICO DI GIORNALISMO DISINFORMATO (Marcos Y Marcos)

Il libro Ermanno Baistrocchi non l’avrebbe mai detto che gli sarebbe successa una cosa del genere, ma sul tavolo della sua cucina, tre giorni fa, era steso un morto. Era un periodo difficile, perché erano successe altre due cose stranissime, la prima che aveva guadagnato troppo, la seconda che la donna con cui avrebbe voluto vivere aveva deciso che voleva vivere con lui. Era un periodo che non voleva, si svegliava e pensava “Non voglio”, e le cose che faceva non le faceva perché doveva farle, ma per non fare quello che avrebbe dovuto fare, e cioè scrivere il nuovo romanzo che il suo editore gli aveva chiesto di scrivere. Pur di non scrivere il nuovo romanzo, guardava su internet, ascoltava la musica, mangiava, si offendeva, perdeva le cose, accettava inviti a tutti i festival, andava in giro a fare corsi di giornalismo disinformato. Che Baistrocchi, proprio adesso che la gente smetteva di leggere i giornali, si occupava di giornalismo, ma di un giornalismo nuovo, che provava a diffondere: il giornalismo disinformato. Un giornalismo dove delle cose di cui si scriveva, non si sapeva niente e non si voleva saper niente; un giornalismo dove non si intervistava la gente che contava, ma la gente che non contava; dove non si scrivevano le cose che si possono scrivere, ma quelle che non si possono scrivere. E Baistrocchi, che ai suoi corsi di giornalismo disinformato consigliava di scrivere le cose che non si possono scrivere, e di non scrivere, per esempio, la cronaca nera, o rosa, adesso che c’era un morto, con un buco nel petto, sul tavolo della sua cucina, era costretto a scrivere un libro di cronaca nera, o rosa, o gialla, si potrebbe dire.

Paolo Nori è nato a Parma, abita a Casalecchio di Reno e ha scritto un mucchio di libri, tra romanzi, fiabe e discorsi. Gli piace leggere ad alta voce, raccontare varie cose sul suo blog (www.paolonori.it), su alcuni giornali e qualche volta in televisione. Con Marcos y Marcos ha pubblicato o ripubblicato: La meravigliosa utilità del filo a piombo, Disastridi Daniil Charms, da lui curato e tradotto, Si chiama Francesca, questo romanzo, Grandi ustionati – anche in versione AudioMarcos – La banda del formaggio, Si sente?Siamo buoni se siamo buoni, Tre matti di Gogol’, Dostoevskij, Tolstoj, il Repertorio dei matti della città di Milano e ilRepertorio dei matti della città di Bologna, da lui curati e tradotti. 

c_180_250_16777215_00_images_Viaggio_Tokio_bassa.jpg

 FIERA OFF - 7° edizione

GIOVEDì 10 DICEMBRE
ore 19,00

VINCENZO FILOSA 
presenta

VIAGGIO A TOKYO (Canicola)

introduce Valerio Bindi

Il viaggio di un occidentale un po’ sprovveduto nella capitale del Giappone e un omaggio agli eroi del manga. Un libro sull’incontro tra culture diverse, sulle passioni e le possibilità di riscatto.

Viaggio a Tokyo è un’avventura allucinata sulle orme dei grandi autori del fumetto gekiga Tsuge Tadao e suo fratello Yoshiharu. Viaggio a Tokyo è uno sguardo inedito e personale sulla grande città. Un diario sgangherato alla ricerca di un senso per una vita di rese e sconfitte. Un racconto onirico e grottesco delle abitudini dei suoi abitanti stranieri e giapponesi tra quartieri a luci rosse, foreste dei suicidi, karaoke, manga kissaten, love hotel, templi buddhisti e negozi di jeans. Un viaggio e un’educazione sentimentale in una grande metropoli e nell’immaginario del fumetto giapponese, tra grandi icone pop e autori meno celebrati. La storia di un paradiso trovato, rinnegato e perduto per sempre.
Viaggio a Tokyo è la graphic novel di esordio di Vincenzo Filosa fumettista e traduttore dal giapponese, che dopo la laurea in Lingue e Civiltà Orientali presso l’Università di Roma La Sapienza, parte per Tokyo e vi rimane a studiare per un anno. Qui ha la possibilità di approfondire la sua passione per il manga e la tradizione artistica giapponese ed elabora un diverso approccio al segno e al ritmo narrativo che raggiunge la sua maturità in questo romanzo a fumetti.

Vincenzo Filosa nato a Crotone nel 1980, dopo le pubblicazioni underground su antologie come “Futuro Anteriore”, “Zero Tolleranza”, “Spaghetti”, “Crack Antologia”, “Deriva”, “Epoc”, “Lamette”, “Gilette”, fonda l’etichetta indipendente Ernest. Nel 2011 realizza per la rivista “Domus” un servizio a fumetti sull’architetto giapponese Shigeru Ban, che ha realizzato il progetto dell’auditorium provvisorio per il conservatorio Alfredo Casella dell’Aquila, a seguito del terremoto del 6 aprile 2009.  Nel 2012 illustra la sua ZeroGuida di Roma, edita da Zero Edizioni e inoltre è tra gli invitati alla mostra Nuvole di Confine, Graphic Journalism L’arte del reportage a fumetti, inaugurata presso il Museo Internazionale dell’Umorismo dell’Arte di Tolentino e con un catalogo edito da Rizzoli Lizard. Filosa vive a Milano dove disegna e traduce grandi autori come Jiro Taniguchi e Shigeru Mizuki.

Canicola associazione culturale è nata a Bologna nel 2004. Attraverso un progetto editoriale di ricerca in ambito grafico e narrativo, esposizioni, workshop, presenza a festival, si occupa di fumetto contemporaneo e disegno. La produzione si concentra su una rivista a progetto e libri di autori italiani a cui si affianca la traduzione di autori inediti in Italia. Canicola fa rete culturale con le altre realtà internazionali affini e ha ricevuto per la sua attività diversi premi e riconoscimenti nazionali e all'estero.

www.canicola.net
facebook.com/canicolaedizioni
canicolaedizioni.tumblr.com

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_pensavofosse.jpg

- Novembre incontra il fumetto -

LUNEDì 23 NOVEMBRE
ore 19,00

MARIO NATANGELO
presenta

PENSAVO FOSSE AMORE INVECE ERA MATTEO RENZI (Magic Press)

Un disegnatore disilluso, una militante infervorata: si incontrano, si piacciono, provano a vivere il loro amore all'epoca del grande rottamatore, Matteo Renzi.

Si ritroveranno alle prese con una “House of Cards” all'italiana, tra assassinii politici, tradimenti, sedute psicanalitiche, attentati terroristici e improvvisi ritorni di fiamma. Chi non si adegua a questo Nuovo Mondo viene travolto.
Anche l’amore. O forse no?
Una parodia sui trentenni di oggi e sull'intimismo autoreferenziale della Facebook generation, in cui politica e vita quotidiana si mescolano senza soluzione di continuità dando corpo ai sogni e alle paure di chi - come tutti noi - questo cortocircuito lo vive ogni giorno sulla propria pelle.
“Pensavo fosse amore invece era Matteo Renzi”, il nuovo libro di Mario Natangelo, in cui il vignettista de Il Fatto Quotidiano racconta sé stesso e il suo lavoro senza risparmiare nessuno. Nemmeno chi gli paga lo stipendio.

Mario Natangelo Napoletano, Dicembre 1985. Giornalista professionista.
-Disegno ogni giorno una vignetta per Il Fatto Quotidiano dal primo numero, nel Settembre 2009.

Ho disegnato diversi anni per Linus, collaboro con Smemoranda, ho realizzato copertine e illustrazioni per qualche rivista e alcuni libri. Mi mancano tre esami alla laurea in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Ho vissuto un anno ad Alicante, in Spagna, e poi dal 2010 mi sono trasferito a Roma.
Ho pubblicato ‘2012 con loden’ la mia prima raccolta di vignette, insieme a Vauro e con prefazione di Marco Travaglio.
Ho ricevuto il 40° Premio per la satira politica di Forte dei Marmi, il Premio per la Satira Galantara e il ‘Premio del Pubblico’ dalla rivista Internazionale e dalla Commissione Europea. Ho pubblicato anche un libro a fumetti dal titolo ‘Napolitano! Sesso Moniti e Rock’n’roll’ (Aliberti Editore).
Sono stato autore in mostra per diverse edizioni al Salone internazionale del fumetto Comicon di Napoli. Ho esposto al Museo d’arte contemporanea MADRE di Napoli.
Ho esordito nel 2007 con Emme, l’inserto satirico de L’Unità ideato e diretto da Sergio Staino.-

Mario Natangelo 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_cover_LSS.jpg

MERCOLEDì 16 DICEMBRE
ore 19,00

presentazione di
LEGGERE SENZA STEREOTIPI.
Percorsi educativi 0-6 anni per figurarsi il futuro
(Settenove edizioni)

di Elena Fierli, Giulia Franchi, Giovanna Lancia e Sara Marini

Le autrici dell’associazione SCOSSE ne parlano con Alberto EmilettiAmnesty International

Attraverso gli albi illustrati, potente unione di immagini e parole, si costruisce sin dalla prima infanzia l’immaginario, si trasmettono luoghi comuni e pregiudizi o al contrario si incentivano la curiosità, il desiderio di sperimentarsi, la voglia di raccontarsi e confrontarsi con ciò che è diverso da sé.

Leggere senza stereotipi, nato dall’omonimo osservatorio on line e dai percorsi di formazione di SCOSSE nelle scuole, esplora la percezione di sé e del proprio corpo, i ruoli professionali e in famiglia, la pluralità dei modelli familiari e l’universo delle fiabe, attraverso la lente dell'albo illustrato, alla ricerca di rappresentazioni che stimolino bambini e bambine a compiere scelte, fare esperienze, avere sogni e ambizioni, leggere il mondo in modo libero, a prescindere dal proprio sesso.

SCOSSE – Associazione di promozione sociale nata nel 2011 da un gruppo di giovani donne con esperienze e formazioni diverse alle spalle, ma con una comune volontà di lavorare per la valorizzazione delle differenze, l’inclusione sociale e la promozione di una cultura libera e aperta per tutti e tutte.

Scosse

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_VVINCI.jpg

- Novembre incontra il fumetto -

MERCOLEDì 25 NOVEMBRE
ore 19,00

VANNA VINCI
presenta
LA BAMBINA FILOSOFICA NO FUTURE (Bao Publishing)

Un libro utilissimo se dovete sgabbiare con urgenza dalla noia, dal protocollo, dalle convenzioni sociali. La bambina ha un'anima nichilista, punk e dadaista e mette a vostra disposizione il suo considerevole bagaglio di nefandezze per salvarvi da qualunque situazione in cui tutti vi sembrino TROPPO più pettinati di voi!

Vanna Vinci
è nata a Cagliari nel 1964. Lavora nel mondo del fumetto dal 1990. Da allora ha pubblicato le sue storie a fumetti per Dargaud, Rizzoli Lizard, Hachette, Planeta, Kappa Edizioni, Kodansha. I suoi libri sono stati pubblicati in Italia, Francia, Spagna. Lavora anche come illustratrice per ragazzi. Ha vinto lo Yellow Kid come miglior disegnatore di fumetti nel 1999, il Gran Guinigi nel 2005. Nel 2001, il suo libro L’età salvaggia ha vinto il premio Romics come miglior opera di scuola europea. Vive e lavora a Bologna. La bambina filosofica è il suo personaggio più ribelle e sulfureo. Nel 2014, per Bao Publishing pubblica Il richiamo di Alma, romanzo grafico tratto dall’omonima opera di Stelio Mattioni.

Vanna Vinci 
La bambina filosofica

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_ladrodilobri-cover.jpg

- Novembre incontra il fumetto -

VENERDì 20 NOVEMBRE
ore 18,30

ALESSANDRO TOTA & PIERRE VAN HOVE 
presentano

IL LADRO DI LIBRI (Coconino Press - Fandango)
premio Gran Guinigi nella catégorie "graphic novel
al festival di fumetto Lucca Comics & Games

interviene lo scrittore Francesco Pacifico 

L’evento è inserito nell'ambito del Festival della Narrativa Francese, organizzato dell'Institut français Italia/Ambasciata di Francia in Italia.

IL LADRO DI LIBRI Siamo a Parigi, negli anni ’50 — gli anni del jazz, dell’esistenzialismo, delle avanguardie, della vita effervescente e d’avanguardia del Quartier Latin. Chi avrebbe mai pensato che Daniel Brodin, giovane aspirante poeta, sarebbe stato notato dalla prestigiosa rivista di Sartre, Les Temps modernes? Chi avrebbe mai pensato che sarebbe riuscito a ingannare lettori e critici il plagio letterario di cui si è reso colpevole, e che questo lo avrebbe portato a vivere così tante avventure? In questa commedia allo stesso tempo divertente e feroce, piena di sorprese e colpi di scena, non si sa quale dei due mondi, quello artistico di Saint-Germain-des-Prés, o quello della banda di provocatori libertari e delinquenti di cui Daniel farà parte, cambierà la sua vita di male in peggio.

“Il ladro di libri” racconta le avventure di Daniel Brodin, giovane poeta nella Parigi del dopoguerra, che conduce una doppia vita tra il mondo della letteratura alta e una sgangherata avanguardia artistica i cui confini si confondono con quelli della criminalità parigina. I due mondi si incontreranno con esiti disastrosi per la vita del protagonista. Un ritratto della giovinezza francese del dopoguerra, all'ombra dell'esistenzialismo, tra boheme, alcol, droga e i continui espedienti per non essere integrati nella vita "normale".

“Il ladro di libri” è un romanzo d'avventure, in cui umorismo e dramma si fondono. È il ritratto di un'epoca che annuncia la nostra, e di una giovinezza contestataria che da lì a poco sfocerà nella protesta del Maggio '68.

Alessandro Tota è nato a Bari nel 1982. Diplomato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna, vive e lavora a Parigi. È tra i fondatori della rivista “Canicola” (Prix Bd Alternative, Festival del fumetto di Angouleme 2007). Ha pubblicato su numerose riviste, tra le quali "Hamelin", "Lo Straniero", "Orang", "Black", "Internazionale", "Repubblica XL". Per Coconino Press sono usciti il lungo racconto “Fratelli” nel volume Gli Intrusi e il graphic novel Yeti, pubblicato anche in Francia. Suoi lavori sono stati esposti in mostre a Bologna, Napoli, Milano, Helsinki, Parigi, Amburgo. 
http://alessandrotota.com/it/

Pierre Van Hove nato nel 1973, è un illustratore, in particolare di libri per ragazzi. Giovanissimo partecipa alla fondazione di “Finalment”, società di produzione audiovisiva specializzata in film d’animazione. È autore insieme alle Soeur Mitchell di una serie di cartoni animati erotici, “Un peu d’amour”, trasmessi alla tv francese. Nel 2006 con Laurent Weber fonda una rivista di letteratura e fumetto, “Slow”, che chiuderà al secondo numero. Vive e lavora a Parigi, dove si occupa di fumetto e illustrazione per l’infanzia.
Il ladro di libri, pubblicato a puntate sull’innovativa rivista digitale di fumetti Professeur Cyclope, è la sua prima graphic novel.
http://pier-vanhove.blogspot.it/

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_galli---elefante-copertina-def.jpg

- Novembre incontra il fumetto -
in concomitanza con Les Vampires -Palazzo delle Esposizioni-
in collaborazione con Coconino Press-Fandango

VENERDì 13 NOVEMBRE
ore 18,30

MARCO GALLI presenta

NELLA CAMERA DEL CUORE SI NASCONDE UN ELEFANTE (Coconino Press - Fandango)

con la partecipazione di Puca RojasAndrea Provinciali

Almo Brasil, scrittore in cerca di ispirazione, ha scelto un bel posto dove perdersi. Il pianeta Balhore, con le sue strade che si arrampicano sinuose intorno all’antica Medina ma velenose, a volte, come il morso di un serpente. E le sue strane allucinazioni, in cui è così facile perdersi, come tra le braccia della bella Zelda. Un lato oscuro che Almo, travolto dalla passione, sembra aver sottovalutato.
Marco Galli ci conduce in un futuro prossimo, o forse in un presente alternativo, ma molto simile al nostro.
Con un fumetto originalissimo e visionario, che mescola fantascienza sporca, esotismo e atmosfere fumose alla Casablanca, suggestioni in stile Moebius e riferimenti a William Burroughs. Un viaggio avvincente e ipnotico, ai confini estremi della galassia e nei labirinti, molto più misteriosi, del cuore di un uomo.

Marco Galli è nato a Montichiari (Brescia) il primo aprile 1971. Da bambino disegnava prima ancora di parlare, come tutti i fumettisti raccontano di sé. Ha vissuto a Londra e Los Angeles e ha fatto vari lavori, senza mai smettere di creare fumetti. Ha già pubblicato due graphic novel: “Il santo premier” (2010) e “Nero petrolio” (2011). Il suo blog è www.kazzemberg.com

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_AKABCOVER.jpeg

- Novembre incontra il fumetto -
in concomitanza con Les Vampires -Palazzo delle Esposizioni-
in collaborazione con Coconino Press-Fandango

MERCOLEDì 11 NOVEMBRE
ore 18,30

AKAB presenta

DEFRAGMENT (Blu Gallery)

con la partecipazione di Andrea Provinciali e Liborio Conca

«In informatica la deframmentazione è un’operazione di ottimizzazione dell’archiviazione dei dati di un computer. Consiste nella frammentazione dei file presenti, ristrutturandone l’allocazione, permettendo così di ridurre drasticamente i tempi di accesso e lettura della memoria.» Spiega Akab, parlando del libro. «Questo è il processo alla base della struttura di Defragment il non libro\mostra\catalogo che affronta la ricapitolazione di una esistenza attraverso frammenti di ricordi, storie vere e inventate, iniziate e mai finite, parti dimenticate che riaffiorano ed altre perdute per sempre. Ogni ricordo, come file di un computer, viene vagliato e ri-posizionato nel disco fisso della propria testa per andare a creare la narrazione definitiva della propria vita.»

Aka B (Milano 1976)Dall’inizio degli anni ‘90 ha realizzato lavori inquieti e dissacranti sulla condizione umana, passando dalla scena underground del fumetto, fino a collaborare con le più importanti case editrici americane (Marvel, Dark Horse, DC Comics). Espone opere pittoriche in numerose mostre collettive e personali e sperimenta il campo della videoarte, creando animazioni, corti e lungometraggi, fra i quali Mattatoio, selezionato per la 60 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 2003. Continua la sua produzione facendosi autore di testi e disegni, fra i suoi ultimi lavori il corrosivo Monarch (Logos, 2013) -

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_cover-angri-lunica-voce-def.jpg

- Novembre incontra il fumetto -
in concomitanza con Les Vampires -Palazzo delle Esposizioni-
in collaborazione con Coconino Press-Fandango

LUNEDI' 09 NOVEMBRE
ore 18,30

TIZIANO ANGRI presenta

L'UNICA VOCE (Coconino Press - Fandango)

con la partecipazione di John Vignola

Yuri, a causa di un misterioso trauma infantile, soffre di un disturbo che lo ha reso insofferente alla voce umana. Irene è un uomo affetto da disordine d’identità di genere. Entrambi vivono ai margini, persi nella ricerca di quella stabilità che non trovano nei loro corpi. Yuri crede che gli spiriti lo salveranno dalla sua malattia e si affanna ad evocarli attraverso dei bizzarri rituali.Finiranno per incontrarsi nel mezzo di un paesaggio di rovine, rievocazione di un passato che li ha inconsapevolmente legati a vita.

Tiziano Angri (Napoli, 1981) è autore di fumetti e illustratore. Nel 2006 pubblica “Il cimitero dei calamari” (Panini Comics) su testi di Tommaso Destefanis. Dopo una lunga pausa, nel 2011 pubblica per BD edizioni “Le 5 Fasi” insieme a Alberto Ponticelli, Squaz, Akab, Officina Infernale e Ausonia. Ha disegnato per diverse fanzine tra le quali: Puck Comic Party, Guida illustrata al frastuono più atroce vol.2, Collettivomensa, Delebile. Nel 2013 esce Fiabe Frattaglie vol.1 Gli occhi di Edna per GRRR ZETIC editrice

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_churu.jpg

- Novembre incontra il fumetto -
in concomitanza con Les Vampires -Palazzo delle Esposizioni-
in collaborazione con Coconino Press-Fandango

VENERDI' 06 NOVEMBRE
ore 18,30

incontro con ANDREA FERRARIS 
autore di 
CHURUBUSCO (Coconino Press - Fandango)

Anno 1847. Gli Stati Uniti invadono il Messico. Ma tra le fila dell’esercito yankee un battaglione, il San Patrizio, ha deciso di disertare per passare dalla parte dei più deboli in una guerra ingiusta e senza pietà. Nella brigata di immigrati irlandesi, spagnoli, polacchi c’è anche Rizzo, un giovane siciliano. Nel villaggio di Churubusco, ultimo baluardo dei ribelli, arriverà per lui l’ora di scegliere da che parte stare. Sullo sfondo di fatti storici realmente accaduti, che hanno ispirato le musiche di Ry Cooder e dei Chieftains, nasce un appassionante graphic novel che restituisce ad ogni pagina il sapore della polvere, dei sogni di libertà e giustizia, dell’eterna lotta contro il sopruso del più forte.

Andrea Ferraris è nato a Genova nel 1966. Dopo aver frequentato la scuola del grande illustratore e artista Emanuele Luzzati, ha cominciato a lavorare per il teatro come scenografo. Poi la passione per il fumetto lo ha portato a Bologna, dove - racconta - “ho avuto la fortuna di incontrare maestri come Vittorio Giardino, Andrea Pazienza e Marcello Jori”. Oggi vive e lavora a Parigi.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_abccoverweb_2.jpg

MERCOLEDI' 04 NOVEMBRE
ore 18,30

- Novembre incontra il fumetto -
Ciclo di incontri dedicati al fumetto. Si inizia dalla lettera A.
A come... 

AUSONIA presenta 
ABC (Coconino Press - Fandango)

Assieme all'autore interviene Luca Raffaelli

Gli "A" sono i vivi. I "B" sono i mezzi-morti, ammalati di morte. I "C" sono i morti. Laura li conosce tutti e tre. Ma qual è il senso, il confine della vita?
Un graphic novel delicato, intenso, poetico. L'amicizia e l'amore, il lutto e il significato della perdita, la storia commovente di una ragazzina di paese che si porta dentro un mistero.

La 19enne Laura, dopo la morte della nonna, ha deciso di lasciare l'università per fare la postina e le sue giornate sono scandite dagli incontri casuali con i compaesani durante la consegna delle lettere. Le corse in bicicletta in aperta campagna la portano alla ricerca di un "B" per dare un ultimo saluto alla nonna defunta. Questi poveri non-morti, infatti, hanno la capacità di mettere in contatto gli "A" con i "C" e consentire loro di parlarsi. Ma questa ricerca rivelerà molti altri aspetti della vita di Laura: la sua breve storia d'amore con Luca, ammalatosi di morte; la nascita di una tenera amicizia con Erika, una giovane "B" che può fare da intermediaria con sua nonna; e, soprattutto, il rapporto sincero col professor Honnorat, un cinico insegnante di storia oramai in pensione, che nutre per Laura un profondo sentimento paterno. I due trascorrono il tempo ad inventare storielle macabre ispirandosi alle vite dei compaesani e a litigare sul futuro della ragazza, che è decisa a non riprendere gli studi universitari. La perdita, l'elaborazione del lutto, la difficile interpretazione della realtà, il passaggio all'età adulta in un mondo in cui i vivi ignorano quale sia il significato della vita e i defunti sono inconsapevoli delle ragioni della morte: tutto questo si trova nelle pagine di ABC, l'originalissimo graphic novel di un talento già affermato del fumetto italiano. Un racconto poetico - e allo stesso tempo disilluso - sull'impossibilità di trovare un senso all'esistenza.

Ausonia (nome d'arte di Francesco Ciampi) è nato nel 1973 a Firenze. È autore di diversi graphic novel, tra cui Pinocchio - Storia di un bambino (2006, Vittorio Pavesio Productions); P-HPC Post-Human Processing Center (2007, Imatra Bloom); The Art Of Ausonia (2007, Vittorio Pavesio Productions); Interni - o la miserevole vita di uno scrittore di successo (trilogia, 2008-2010, Double Shot), vincitore del Premio Micheluzzi per la sceneggiatura; Le 5 Fasi (2011, Edizioni BD) - Collettivo Dummy. Dal 1997 è docente di fumetto e illustrazione alla Scuola internazionale di Comics di Firenze. Nel 2010 Lucca Comics & Games gli ha dedicato una personale a Palazzo Ducale: il catalogo della mostra è stato pubblicato col titolo Interni Immaginari (Double Shot).

In concomitanza con Les Vampires - Palazzo delle Esposizioni -

c_180_250_16777215_00_images_NOVECENTO.jpeg

FIERA OFF - 7° edizione

MERCOLEDì 9 DICEMBRE
ore 19,30

PRESENTAZIONE DI
IL NOVECENTO E' DONNA
(Edizioni Clichy)
Ritratti di donne eccezionali del secolo scorso

di LUCREZIA DELL'ARTI

Con l'autrice sarà presente Marina Ripa di Meana

Un libro che racconta le vite straordinarie delle donne che hanno attraversato il Novecento pescando tra gli aneddoti, le frasi più belle, le curiosità della loro vita. La struttura si snoda senza seguire il percorso biografico ma recuperando le storie più intense che hanno animato le esistenze di ognuna di loro. Italiane e straniere, a volte poco conosciute, a volte famosissime, ma che in qualche modo hanno contribuito a rendere grande il secolo scorso: attrici, scrittrici, poetesse, scienziate, first lady e premier, tutte sono state prima di tutto esseri umani, con le loro debolezze, le loro abitudini, i grandi sacrifici, a volte i successi, a volte le sconfitte. Con uno stile assolutamente personale e inconfondibile, Lucrezia Dell’Arti riesce a raccontare, con pochi colpi d’autore, l’essenza profonda delle persone che racconta.

Da Frida Kahlo a Billie Holiday, da Maria Teresa di Calcutta a Elsa Morante, passando per Simone de Beauvoir, Virginia Woolf, Maria Callas, Indira Gandhi, Marie Curie, Anna Magnani, Coco Chanel, Janis Joplin, Grace Kelly, Irène Némirovsky...

Lucrezia Dell’Arti è nata a Roma nel 1975. Giornalista professionista dal 2001, ha lavorato un po’ in giro per l’Italia, esplorando redazioni: alla Sicilia di Catania, a Mondadori (Donna Moderna), a Madrid, infine a Roma. Si è occupata di sport, politica, ambiente, femminili. Per più di due anni ha firmato su Io Donna la rubrica “Vorrei essere io”, dedicata alle grandi donne del Novecento. Oggi collabora con Sette e con Il Foglio del Lunedì. Vive a Roma con quattro figli, due cani, e un compagno.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_bofanepiatto.jpg

GIOVEDI' 29 OTTOBRE
ore 18,30

IN KOLI JEAN BOFANE presenta

CONGO INC. Il testamento di Bismarck 
( 66thand2nd )

dialogano con l’autore Carlo Mazza Galanti e Ingy Mubiayi

a cura di Ottobre Africano

Il libro Troppo alto per i pigmei ma troppo basso per tutti gli altri, il giovane Isookanga non si rassegna a vivere nel suo villaggio sperduto nella foresta equatoriale e a piegarsi alle tradizioni come vorrebbe il vecchio zio Lomama. Affascinato da internet e dalle infinite opportunità offerte dalla globalizzazione, decide di tentare la fortuna a Kinshasa, dove si unisce agli shégué – i ragazzi di strada – e diventa socio di un cinese che commercia in sacchetti di acqua potabile. Anche le sue quotazioni in campo sentimentale sono in crescita ma Isookanga non vuole distrazioni: è «un mondialista che aspira a diventare un globalizzatore» e niente gli impedirà di raggiungere il successo. Intanto, nella giungla urbana della capitale congolese, gli uomini continuano a dare prova di meschinità e cinismo, mentre nei posti di comando si fa a gara per accaparrarsi le ricchezze naturali del paese. Tutti – sventurati e prepotenti, personaggi loschi e anime pure – vanno a comporre nella loro coralità questa farsa esilarante e amara, una dirompente commedia umana che è stata definita il «Satyricongolese».

Con una scrittura incalzante e spietatamente lucida, ma senza rinunciare mai alla leggerezza, Bofane racconta meglio di tutti i reportage e le inchieste la crudele realtà del Congo contemporaneo e il lascito materialista e destabilizzante del colonialismo europeo.

In Koli Jean Bofane è nato in Congo, il 24 ottobre del 1954.
Vive in esilio in Belgio dal 1994. Nel 1996 ha pubblicato con Gallimard il libro per bambini Pourquoi le lion n’est plus le roi des animaux, incentrato sulla dittatura che ha afflitto per decenni il suo paese, e nel 2000 Bibi et les canards, sul tema dell’emigrazione. Matematica congolese è il suo primo romanzo, un avvincente e scoppiettante noir orwelliano con cui si è aggiudicato il Grand prix littéraire d’Afrique noir nel 2008 e il Prix Jean Muno nel 2009.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_1serra.jpg

MERCOLEDI' 21 OTTOBRE
ore 19,00

CATERINA SERRA presenta

PADRETERNO
(Einaudi)

Con l'autrice interviene Nadia Terranova

Il libro È la storia di Aristeo, nome da dio minore. Figlio unico. Adorato. Maschio. Un dialogo muto con un padre morente sul crinale di una vita divisa tra erudizione, desideri mancati, e violenza. È la storia d'amore con Nina, la sua donna, «che parla la lingua dei leoni», che gli scrive parole dentro una casa viva e dolorosa. Nina che non riesce a possedere, che se ne va, che ride di lui. Che ha forme d'amore che lui non capisce. «Le donne le guardi come gli uomini le guardano da tutta la Storia. È sempre lo stesso sguardo. Sono sempre le stesse donne?» Aristeo si scontra con l'incapacità di conoscere le donne, con l'invidia per la loro libertà, con l'esercizio del potere come forma di amore, con desideri che non può confessare e che ci vengono sbattuti in faccia. «Non lo so. Però da qualche parte deve pur venire. Mentre a me sembra naturale come se ci fossi nato. È tutto buio, mi sento piú forte, piú vero, e mi perdo, come se non fossi piú padrone di me stesso. O fossi ancora quel bambino, onnipotente, che sa dire solo voglio». Questo libro è il suo tentativo di capire finalmente qualcosa di sé, del sesso e delle relazioni amorose.

«Alla fine emette quel suono, uno sfiato di lupo, un respiro monco che gli esce da sotto tutte le volte, che è un'anima in cerca di un po' di carne che la ricopra, o la comprenda».

Caterina Serra, è scrittrice e sceneggiatrice. Nel 2006 ha vinto il premio Paola Biocca per il reportage. Nel 2008, presso Einaudi, ha pubblicato Tilt

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_ruffato.JPG

MARTEDI' 13 OTTOBRE
ore 19,00
La NuovaFrontiera
presenta

- SCRIVO PER RACCONTARE IL MONDO -
Il Brasile di LUIZ  RUFFATO

Assieme all'autore intervengono le scrittrici

Igiaba Scego e Paola Soriga

Luiz Ruffato è nato nel 1961 a Cataguases, nello stato di Minas Gerais, Brasile. Prima di diventare uno scrittore, ha venduto pop-corn, ha fatto il cameriere, il commesso, l'operaio in un'industria tessile, il tornitore metallurgico, il giornalista, il libraio e il ristoratore. Oggi è unanimemente considerato il romanziere più interessante e originale della letteratura brasiliana contemporanea. Tradotto, pubblicato e pluripremiato in diversi paesi, Ruffato è riuscito nel giro di pochi anni a imporsi nel panorama letterario internazionale, raccontando un Brasile diverso, lontano dagli stereotipi e ancora tutto da scoprire per i lettori italiani.

I libri di Luiz Ruffato pubblicati dalla La NuovaFrontiera sono:
Sono stato a Lisbona e ho pensato a te
Di me ormai neanche ti ricordi
Fiori artificiali

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_solosigari.png

MERCOLEDI' 14 OTTOBRE
ore 19,00

DACIA MARAINI presenta
con ALESSIO ROMANO

SOLO SIGARI QUANDO E' FESTA (Bompiani)
di Alessio Romano

Accompagnamento musicale di Piero Delle Monache

Nick, un giovane ricercatore di L’Aquila sfuggito miracolosamente alla terribile scossa di terremoto, torna a vivere nella casa dove è cresciuto, insieme al padre Ivo che ha frequenti vuoti di memoria. Mentre cerca di assorbire il trauma e occuparsi della malattia di Ivo, riceve una richiesta di amicizia su Facebook da parte di un misterioso “Il Ragno”, un utente con soli altri quattro amici. Tutti morti. Tranne Nick e Tamara, una spogliarellista di night club. Apparentemente, nessun legame esiste tra gli amici del Ragno, ma quando anche Tamara sparisce, Nick comprende di essere in pericolo di vita. La sua unica speranza è scoprire chi è il Ragno e cosa vuole da lui. Un thriller mozzafiato, intelligente, tecnologico, tra hacker, amori e le rovine di L’Aquila.

Alessio Romano è nato a Pescara nel 1978. Ha studiato a Bologna e presso la Scuola Holden di Torino. Ha esordito con il romanzo Paradise for all (Fazi, 2005), giudicato da molti critici come uno dei migliori debutti letterari degli ultimi anni.

GIOVEDI' 08 OTTOBRE
ore 19,00

Paolo Sortino presenta

insieme a Christian Raimo

LIBERAL (Il Saggiatore)

Una grande villa isolata nel verde toscano spezzato dall’azzurro accecante di una piscina. Intorno, alberi, siepi, ordinati cespugli, un sentiero che conduce al fiume e, poco oltre, in cima a un’altura, le rovine di un teatro romano. Su questa scena di nobile semplicità e quieta grandezza irrompono con rumore stridente di acciaio il regista Teresio e i suoi attori dai corpi perennemente lucidi e sorvegliati, dai sorrisi porcellanati, dagli occhiali scuri che intercettano i raggi del sole di agosto. Devono girare un film nella villa, ma il loro intento programmatico – la loro mission – è più insidioso: mostrare a Sandra, la padrona di casa, la fine della sua epoca e della sua cultura, farla rinascere, battezzarla figlia dell’Oggi. Più i giorni passano, nella casa polverosa, rovente, più le maglie del gioco di Teresio – cui non si può nemmeno riconoscere l’attenuante della spietatezza, non avendo mai saputo cosa sia la pietà – si stringono intorno a Sandra, vittima delle angherie spesso inconsapevoli degli attori, figuranti di una messinscena che si sostituisce gradualmente alla realtà, deformata dall’onnipresente obiettivo di Teresio, che registra ogni cosa, e ogni cosa racconta registrandola: il mondo, senza un supporto digitale, non esiste. In questo meccanismo apparentemente infallibile, però, qualcosa si inceppa: la vita scarta, oppone una resistenza liquida e imprendibile ai tentativi del gruppo di ridurla ai minimi termini. E l’unico esito possibile è il disastro. Plastica trasparente, metallo abbagliante, la velocità dirompente dei proiettili e l’amniotica inevitabilità delle cellule: l’estetica di Teresio e dei suoi attori, cioè la loro etica, poggia su queste fondamenta, e su queste Paolo Sortino – fra gli scrittori italiani con temporanei più significativi e riconoscibili – costruisce una struttura romanzesca che l’unità di luogo e tempo propria della tragedia classica trasforma in una trappola asfissiante: prigioniero nella villa insieme a Sandra e allo stesso tempo complice riluttante dei suoi aguzzini, il lettore trattiene il fiato, in attesa – come dopo un tuffo – della boccata d’aria che libera i polmoni. Ma è una liberazione impossibile: nel mondo sottovuoto di Teresio e dei suoi giovani liberal non c’è aria.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_milone.jpg

GIOVEDI' 01 OTTOBRE
ore 19,00

ROSSELLA MILONE presenta

insieme a Nicola Lagioia e Antonio Pascale

IL SILENZIO DEL LOTTATORE (Minimum Fax)

Una ragazzina scopre l’attrazione ascoltando i racconti di una vecchia che si aggira come un cieco nei labirinti della memoria. Una bella adolescente sperimenta come il sesso, oltre a essere uno strumento di piacere (e di potere), possa portare senza volerlo a tradire le amicizie. Una ragazza appassionata lotta per quello che si illude sarà l’amore della sua vita. Un’altra, disposta a soffrire ma soprattutto capace di ferire, cerca di ritrovare la propria strada dopo un disastro sentimentale. Una donna nel pieno degli anni si mette di fronte al proprio matrimonio come davanti a uno specchio, e cerca di salvarlo.

Il silenzio del lottatore è una meravigliosa educazione sentimentale e al tempo stesso una raccolta di racconti in cui sensualità, durezza, dramma, cauta e segreta speranza danno vita a una narrazione in grado di parlare a ognuno di noi.

Rossella Milone è nata a Napoli nel 1979 e vive a Roma. Ha pubblicato le raccoltedi racconti Prendetevi cura delle bambine (Avagliano 2007) – per la quale ha ottenuto una menzione al Premio Calvino – e La memoria dei vivi (Einaudi 2008). Per Laterza è uscito nel 2001 Nella pancia, sulla schiena, tra le mani, e per Einaudi nel 2013 il romanzo con Poche parole, moltissime cose.
Collabora con diverse testate giornalistiche e coordina l’osservatorio sul racconto Cattedrale
Il suo sito è rossellamilone.it.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_11campionatospecchietto1.jpg

IL PRIMO APPUNTAMENTO DELLA STAGIONE
NON POTEVA CHE ESSERE UN EVENTO CHE CI CARATTERIZZA DA ANNI
E CHE CI STA MOLTO A CUORE...

DOMENICA 20 SETTEMBRE 2015 ORE 16,00

si terrà' in libreria

l' 11°CAMPIONATO DI BILIARDINO LETTERARIO
Autumn EDITION (squadre miste)

COME FUNZIONA ?
1) Ci si iscrive a coppie MISTE 

2) La quota d’iscrizione è UN LIBRO (NUOVO), il cui titolo darà il nome alla squadra.
3) Il montepremi è composto da tutti i libri portati dai partecipanti.
4) Chi vince il torneo si porta a casa i libri.

vi aspettiamo!

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_bilCOVER.png

GIOVEDì 24 SETTEMBRE
ore 19,00

ALESSIO SPATARO presenta in anteprima
il suo nuovo fumetto

BILIARDINO (Bao Publishing)

A partire dalle 19, una serata d'eccezione dove Alessio parlerà, insieme a Christian Raimo, della graphic novel
Biliardino nel giorno che precede la sua uscita. Seguiranno dediche, disegni e partite di biliardino!
Non potete mancare, e soprattutto: è vietato rullare!

Alessio Spataro,
dopo un monumentale lavoro di documentazione testuale e sul campo, ha creato un romanzo grafico stampato solo in rosso e blu (come i giocatori del biliardino), che ripercorre la vita di Alexandre Campos Ramírez, il galiziano che ha brevettato la moderna versione del biliardino. La storia dell'evoluzione del popolare gioco è il filo conduttore delle vicende del libro, che attraversano la guerra civile spagnola, il secondo conflitto mondiale, la dittatura franchista e l'affermarsi delle democrazia in Europa. Un libro appassionante, perché le sue storie lambiscono la Storia con la maiuscola, minuziosamente accurato ma ricco di emozioni, e autenticamente importante, perché racconta la storia di uomini che hanno consacrato la vita a un ideale di libertà che, per molti decenni, appariva irraggiungibile. L'esistenza di Campos Ramírez ha sfiorato quelle di Neruda, Camus, Sartre, lasciando un segno indelebile nella società spagnola, eppure sulla sua figura circolano più leggende che fatti assodati. Questo libro fa ordine nelle versioni alternative sulla vita leggendaria di un uomo la cui importanza travalica l'invenzione per la quale si fa ancora il suo nome.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_lascia.jpg

Mercoledì 10 Giugno
ore 19,30
Presentazione di
LASCIA STARE LA GALLINA (Bompiani)
di Daniele Rielli (Quit the doner)

Con l'autore interverrà Gipi

In Lascia stare la gallina ci sono tutti gli elementi che hanno reso Quit una delle nuove penne più interessanti e poliedriche d'Italia: la ricostruzione meticolosa delle piccole realtà , la lucidità delle analisi, l'umorismo paradossale, insieme caustico e umano, il nichilismo filosofico e la speranza come pulsione irrazionale ma ineliminabile.

Daniele Rielli (Quit the doner) é nato nel 1982. Realizza reportage narrativi per il Venerdì di Repubblica e Internazionale e scrive per la televisione e il teatro.Prima di sparire nell'ombra e diventare Quit ha collaborato con diversi quotidiani e si è laureato in Filosofia. In seguito con il nom de plume ha scritto anche per Vice, Linkiesta, Riders e L'uomo Vogue, diventando uno degli autori più noti di long-form journalism italiano. Nel 2013 ha vinto il Mia Award per il miglior articolo italiano e nel 2014 ha pubblicato con Indiana Editore Quitaly, raccolta dei suoi reportage. I suoi lavori sono riuniti sul sito www.quitthedoner.com uno dei siti autoriali più seguiti d'Italia con più di un milione di lettori unici solo nel 2013, grazie al quale si è imposto all'attenzioene dei giornali. Dorme con una mannaia vicino al letto per chi lo chiama blogger.

 

c_180_250_16777215_00_images_img_dx_zabel.jpg

Venerdì 22 Maggio
ore 21,00
Presentazione di
SAM ZABEL E LA PENNA MAGICA (Bao)
di Dylan Horrocks

Con l'autore sarà presente Roberto Recchioni

Dylan Horrocks, l'indimenticabile autore di Hicksville, torna con uno dei libri dell'anno: la storia di Sam Zabel, fumettista in crisi, che scopre l'esistenza di una penna magica capace di far passare chi disegna dal mondo dei narratori a quello delle storie, e intraprende un viaggio attraverso i fumetti mentre l'ispirazione per le sue opere più personali latita e lo tormenta. Un libro a fumetti sul Fumetto e il suo senso, che ha già suscitato l'entusiasmo di Craig Thompson, Scott McCloud e molti altri luminari della narrativa disegnata. Un'opera importante, destinata a fare epoca. 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_santangelo.jpg

Mercoledì 20 Maggio
ore 19,30
Presentazione di
NON VA SEMPRE COSI'(Einaudi)
di Evelina Santangelo

La storia ribelle di chi non batte in ritirata. Autrici a confronto.

Con l'autrice dialogano
Caterina Bonvicini
, Teresa Ciabatti, Costanza Quatriglio

Un'insegnante che ha perso tutto, in un Paese che ha smarrito se stesso, nel preciso istante in cui tocca il fondo s'imbatte in un'invenzione bizzarra, che pare impossibile da realizzare. Un progetto concreto, non un sogno, che la travolge con il suo potere contagioso. Ed è come una ruota che prende a girare, impazzita e viva.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_etadellafebbre.jpg

Mercoledì 27 Maggio
ore 19,00
Presentazione di
L'ETA' DELLA FEBBRE. Storie di questo tempo (Minimum Fax)
antologia di racconti italiani
a cura di Christian Raimo e Alessandro Gazoia 

Gli autori dell'antologia che saranno presenti sono:
Violetta Bellocchio, Claudia Durastanti, Vincenzo Latronico, Antonella Lattanzi, Rossella Milone, Paolo Sortino, Giuseppe Zucco

Nel 2004 minimum fax pubblicava l’antologia La qualità dell’aria, in cui ai migliori scrittori under-40 era chiesto di illuminare le trasformazioni enormi che l’Italia stava attraversando all’inizio degli anni Zero. Oggi che quell’antologia è considerata uno spartiacque e quegli autori sono diventati un piccolo canone della nuova narrativa italiana, Christian Raimo e Alessandro Gazoia hanno deciso, con L’eta della febbre, di rilanciare questa sfida scegliendo undici voci per indagare un’epoca sempre più indecifrabile.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_sentilerane.jpg

Giovedì 7 Maggio
ore 19,30
SENTI LE RANE (Nottetempo)
di Paolo Colagrande

Con l'autore interviene Chiara Valerio

Al tavolino di un bar, Gerasim racconta a Sogliani la storia di un terzo amico seduto poco piú in là, ed è una storia molto avventurosa. Ebreo convertito al cattolicesimo per chiamata divina, Zuckermann prende i voti e diventa “il prete bello” di Zobolo Santaurelio Riviera, località balneare di “fascia bassa”: agli occhi dei fedeli passa per un santo, illuminato, alacre e innocente. Ma un pomeriggio di fine estate, mentre intorno al suo nome diventano sempre piú insistenti le voci di miracoli, a Zuckermann si offre la visione della Romana, la figlia diciassettenne di due devoti parrocchiani. Da lí in poi, fra pallidi tentativi di espiazione, passioni e gelosie, cui fanno da contrappunto le vaneggianti digressioni di Gerasim e Sogliani – dall’Uomo vitruviano agli etologi fiamminghi, dagli asceti di Costantinopoli all’Ikea, da Rossella O’Hara all’olio di nespolo babilonese – lentamente si consuma una tragedia sentimentale che travolge l’intera comunità e trova il suo epilogo in riva a un fosso... Con una scrittura comica e pastosa, Colagrande ci racconta una storia e, insieme, il racconto che ne fa una coppia di inattendibili biografi.

Paolo Colagrande
(Piacenza, 1960) ha vinto nel 2007 il Premio Campiello Opera Prima con Fídeg, suo romanzo di esordio. Tra i suoi ultimi libri ricordiamo, Kammerspiel (2008) e Dioblú (2010).

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_inchiostro.jpg

Venerdì 24 Aprile
ore 19,00
LA NOTTE DI#INCHIOSTRO DI PUGLIA
Eventi Letterari in ogni angolo della Puglia
e oltre

DALLA PARTE DELLA LETTURA
Incontro con 
Nicola Lagioia
, Maurizio Cotrona, Nino G. D'Attis
Modera Marina Carotenuto

In principio fu un blog: ‪#‎InchiostroDiPuglia‬ di Michele Galgano.
Poi si trasformò in un'idea-sogno-progetto: quella di unire la Puglia in un unico grande evento, dedicato ai suoi tanti talentuosi autori, ai lettori e alle librerie. Si decise una data: il 24 Aprile e la si intitolò alla ‪#‎ResistenzaCulturale‬.
Cominciarono a costituirsi i primi fortiniletterari in maniera del tutto spontanea ed autogestita. Cinque, dieci, venti... nei vari comuni, piccoli e grandi dello sperone d'Italia. Fino a diventare, in tempo record e inaspettatamente, oltre 80, travalicando i confini regionali e addiritttura quelli nazionali. Bari, Lecce, Brindisi. Ma anche Milano, Roma, Parigi, Washington, per un progetto di rilancio della lettura "Partendo dal basso. Partendo da Sud". Il 24 aprile sarà la nostra notte, amici pugliesi e amici amanti dei libri.

 

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_lastagione.jpg

Venerdì 10 Aprile
ore 19,30
Presentazione di
LA STAGIONE CHE VERRA' (Einaudi Edizioni)
di Paola Soriga

Intervengono
Giuseppe Rizzo, Flavio Soriga e Caterina Tabasso.

Paola Soriga è nata a Uta, in provincia di Cagliari, nel 1979. Ha studiato letteratura a Pavia, Barcellona e Roma, dove adesso vive e lavora. Dopo l'esordio di Dove finisce Roma (Einaudi Stile Libero 2012), tradotto in diverse lingue, ha partecipato all'antologia benefica Sei per la Sardegna (Einaudi 2014, con Francesco Abate, Alessandro De Roma, Marcello Fois, Salvatore Mannuzzu e Michela Murgia). Il suo ultimo romanzo è La stagione che verrà (Einaudi Stile Libero 2015).

«Io sono tutte le persone che ho conosciuto. Sono tutte le storie che ho ascoltato, le case e le città che ho abitato. Come Alghero, di luce e bastioni, che guardo dall'alto mentre sono in balcone a fumare, il rumore costante del mare».

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_puntodifuga.jpg

Giovedì 23 Aprile
ore 19.30
Presentazione di
PUNTO DI FUGA (Diabolo Edizioni)
di Lucia Biagi

Con l'autrice interverrà Tiziana Lo Porto

Sabrina ha 26 anni
, abita in una città di provincia che le sta stretta e ha un carattere forte, che a tratti si fa violento nel gridare agli altri il suo malessere, la sua sofferenza. La sua è la condizione di chi non ha più vent’anni, ma non si sente ancora un adulto in grado di assumersi le responsabilità che la vita impone. La condizione di molti giovani negli anni della crisi economica che si fa crisi esistenziale: alle soglie dell’età adulta non ci si sente capaci di affrontare la vita. E si sbanda, tra colpi di testa, ingenui tentativi di evasione, autocommiserazione, rabbia. Una gravidanza non prevista si pone come un’esperienza emblematica. La vita che spinge forte suscitando dubbi e ansie, sul proprio essere donna, sulla maternità come spartiacque. E intorno sollecitazioni contradditorie.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_tuttestrade.jpg

Giovedì 9 Aprile
ore 19.30
Presentazione di
TUTTE LE STRADE PORTANO A NOI
A piedi da Milano a Bari
(Laterza)
di Alcide Pierantozzi

Con l'autore interverrà:
Teresa Ciabatti, Brando De Sica, Martina Codecasa

Quarantacinque giorni di cammino dalla Lombardia alle coste pugliesi. Tra boschi secolari e valli disabitate, passando per i borghi più suggestivi d’Italia, un gruppo di ragazzi percorrono a piedi la Via Francigena per raggiungere Brindisi, meta di un viaggio on the road esilarante e al contempo miracoloso compiuto con la prospettiva di “imparare a essere stranieri in casa propria”.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_unnamed.png

Giovedì 16 Aprile
ore 19.30
Presentazione di
HOMO HOMINI VIRUS (Meridiano Zero)
di Ilaria Palomba

Presentano
Paolo Restuccia (Ruggito Del Coniglio, Scuola Omero)
Simona Baldelli (Scrittrice)
Giorgio Patrizi (Critico Letterario)

Performance di Tiger Orchid (Body Artist)
Letture di Francesca Romana Nascé (Attrice)

Quando l’arte è strumentalizzata dai media, cadiamo in un mondo infernale in cui non esistono amici e in cui ognuno diviene virus per l’altro. Il ritratto esasperato di un contesto sociale che rovina. L’anelito a un affrancamento emozionale e sensuale da tabù e infrastrutture educative strette come un vestito dell’infanzia. Una storia di passioni ossessive, cinici tradimenti, taglienti affondi ed elettiva complicità.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_sabatobambinigenerico.jpg

Sabato 28 Marzo
ore 11.00
Il Sabato dei Bambini:
IL RITORNO DEI BURATTINI
ovvero Burattini alla riscossa!

Di e con Daniele Miglio
Spettacolo di burattini (dai 3 ai 6 anni)

Ai tutti i bambini che assisteranno allo spettacolo
verrà offerta la merenda!

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_pedrolemebel.jpg
Mercoledì 11 Marzo
ore 19:00
RICORDO DI PEDRO LEMEBEL
Racconto e letture di Matteo Lefèvre
con l'attrice Liliana Garcia
Interventi musicali di Benedetto Palombo
In collaborazione con l'Ambasciata del Cile in Italia

Pedro Lemebel ci ha lasciato nella notte dello scorso 23 Gennaio
Era nato negli anni Cinquanta, come gli piaceva dire. Artista e scrittore, militante autentico e coraggioso, è rimasto in Cile durante la dittatura e ha combattuto il regime con la sua presenza, con le parole e le performance. È stato un riferimento fondamentale del movimento internazionale di liberazione omosessuale, e ha lottato fino all’ultimo giorno contro ingiustizie e ipocrisia.
Il suo capolavoro, Ho paura torero, storia d’amore e di lotta politica, è stato pubblicato
in Italia da Marcos y Marcos, diventando ben presto un caposaldo della casa editrice,amato da librai e lettori.



c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_CB.jpg
Giovedì 19 Marzo
ore 20:00
INCONTRO CON CHARLES BURNS!
Charles Burns uno dei più geniali fumettisti americani
di sempre, sarà presente in libreria in carne ed ossa!
All'incontro intervengono Francesco Pacifico, Alessio Trabacchini e Ratigher
Seguirà il firmacopie

Charles Burns
, nato nel 1955 a Washington, è tra i capiscuola della scena indipendente statunitense e uno dei maestri del fumetto contemporaneo internazionale.

Nel mondo del fumetto esordisce e si fa notare grazie a “Raw”, storica antologia diretta da Art Spiegelman. Successivamente aderisce anche al progetto bolognese dei Valvoline Motorcomics (composto da Brolli, Carpinteri, Kramsky, Igort, Jori, Mattotti), che coincide con un periodo di permanenza in Italia grazie al quale pubblica sulle riviste “Frigidaire”, “Alter Alter”, “Dolce vita”, “Fuego”.
Dopo la realizzazione delle storie raccolte nei volumi “Big baby”, “Skin deep”, “El Borbah”, dal 1991 per undici anni si dedica quasi interamente alla realizzazione di Black Hole, producendo il graphic novel unanimemente riconosciuto come uno dei capolavori dell’ultimo ventennio.
Charles Burns che ha realizzato illustrazioni per riviste come “Time”, “New Yorker”, “New York Times Magazine”, è il copertinista di “The Believer” che con “McSweeney’s” è una delle riviste fondate da Dave Eggers, all’interno delle quali hanno scritto la maggior parte dei più influenti scrittori americani contemporanei.

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_valliaprendere.jpg
Martedì 24 Febbraio
ore 19:30
VIENI A PRENDERMI!!!
Presentazione-Reading del libro
Valli a prendere (Edizioni Haiku)
di Giovan Bartolo Botta

Giovan Bartolo Botta, giovane attore e autore italo-brasiliano, vincitore di numerosi premi e riconoscimenti (fra cui gli ultimi al Roma Fringe Festival e al NopS Festival 2014) si esibirà in uno dei suoi esplosivi reading teatrali e leggerà stralci di testo estratti dal suo nuovo sorprendente libro.


Chi non crede che gli attori teatrali vogliano sempre essere al centro dell’attenzione, perennemente sul palco a elargire monologhi, dialoghi e soliloqui, farebbe bene a ricredersi… e alla svelta! Soltanto un attore riesce a capire la vita di un attore...
Una raccolta di racconti, monologhi e poesie, che ruotano attorno ai temi del teatro, della maschera, dell’incomunicabilità. Una satira, pungente e puntuale, all’arrivismo che domina in certi ambienti, quando a prevalere così sul grande palco, come nel più piccolo teatro di periferia, è la medesima e mediocre farsa della corsa al successo.

Lunedì 16 Febbraio
ore 19:00
Presentazione di
Nessun altro mondo (Stilo Editrice)
di Osvaldo Capraro

Dialogano con l'autore
Riccardo Guido
(Commissione parlamentare antimafia)
Della Passarelli (Presidente Sinnos Editrice)
Sigfrido Ranucci (giornalista Rai, coautore Report)
 
Michele Pellegrino ha smesso di uccidere e si è ritirato nelle campagne francesi, ma la sua carriera criminale ha lasciato delle ferite aperte e dei misteri irrisolti: il rapido disfacimento del suo clan, il suicidio in carcere di un amico fraterno, un disegno oscuro che lambisce pagine infelici della storia nazionale. Ecco allora che gli viene assegnata un'ultima missione che lo porterà nel suo paese natio, nel sud Italia a are i conti con il passato.

Osvaldo Capraro vive e insegna a Monopoli (BA). Dopo Il pianeta delle isole rapite (la meridiana), ha pubblicato il noir Né padri né figli (e/o), con cui ha vinto nel 2006 il premio ‘Città di Bari’. Ha partecipato alle antologie Qualcosa da dire. Voci da una Puglia migliore (Kora), Ogni maledetta domenica (Minimum Fax) e Meridione d’inchiostro (Stilo Editrice). Suoi articoli e racconti sono apparsi sulle riviste «Lo Straniero» e «Nuovi Argomenti».

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_peano.jpg
Giovedì 5 Febbraio
ore 19:30
Presentazione di
L'invenzione della madre (Minimum Fax)
di Marco Peano

Con l'autore intervengono Michela Murgia e Nicola Lagioia

Questa è una storia d’amore. Si tratta dell’amore più antico e più forte, forse il più puro che esista in natura:
quello che unisce una madre e un figlio.

Marco Peano, grazie al coraggio della grande letteratura, ridà senso all’aspetto più inaccettabile dell’esperienza umana: imparare a dire addio a ciò che amiamo.
c_180_250_16777215_00_images_unnamed.jpg

Mercoledì 4 Febbraio
ore 19:30
Sangue e plusvalore: Horror book apéritif !

Presentazione di Sangue e plusvalore
(Imprimatur Editore)
di e con Luca Cangianti

Reading di Willy Stella
Brindisi con Vladimiro Giacchè (economista) e Federico Greco (regista horror)

Di lui sapete sicuramente che fu un filosofo sovversivo dell'Ottocento. Ma la sua impresa più estrema è raccontata in questo romanzo di orrore soprannaturale, ambientato tra le barricate della Parigi comunarda e le fabbriche della Londra vittoriana. Stiamo parlando di Karl Marx.

c_180_250_16777215_00_images_calendariogiuf.jpg

NOI REGALIAMO LIBRI , e tu?
Buone feste e buone letture!


Mercoledì 24 
la libreria chiuderà alle 18,00

La Libreria rimarrà chiusa Venerdì 25, Sabato 26
Giovedì 31 e Venerdì 01 Gennaio 2016

Buon Anno!

c_180_250_16777215_00_images_appuntamenti_2014_sabatobambinigenerico.jpg

Sabato 31 Gennaio
ore 11.00
Il Sabato dei Bambini:
UN NASO TUTTO ROSSO
Rime, birilli e ...Fantasticherie!!!


Di e con Massimiliano Maiucchi
Spettacolo di filastrocche e clownerie per bambini (dai 2 ai 5 anni)

Massimiliano Maiucchi da oltre 20 anni lavora con i bambini, è un animatore, un clown,
un ludotecario, un giocoliere, un cantastorie, uno scrittore di filastrocche e di canzoni,
un attore di teatro e di televisione.

 

c_180_250_16777215_00_images_img_dx_odiolapoesiadef.jpg

Venerdì 30 Gennaio
ore 19:30
Odio la Poesia
Versi allegri di poeti martiri
Reading veloce! 5 autori leggono 5 poesie di 5 minuti!

I martiri di questa settimana sono:

Edoardo Camurri (Giornalista, scrittore, Radio3, Rai Storia)
Margherita Vicario (Cantante, attrice)
Paola Soriga (Scrittrice)
Errico Buonanno (Scrittore, autore Radio2)
Claudia Fabris (Artista)